Conza, capitale della poesia

0
532

 

Si è trasformata per un giorno in una vera capitale della poesia Conza della Campania. L’occasione è stata offerta dal Premio Nazionale di Poesia “Città di Conza della Campania”. Oltre sessanta i poeti, provenienti da tutta Italia, con 144 opere partecipanti al concorso poetico organizzato dall’Associazione Culturale “Logopea” e dalla Pro Loco “Compsa”, con il patrocinio del Comune di Conza della Campania, ritrovatisi per la cerimonia di premiazione presso la sala consiliare. Tra le novità la consegna dei lauri d’oro, d’argento e di bronzo a personaggi che hanno offerto un contributo decisivo al mondo culturale, lauro d’oro per Mariastella Eisenberg (Caserta), lauro d’argento alla poetessa Agostina Spagnuolo (Capriglia) e al poeta Antonio Crecchia (Termoli-Cb), lauro di bronzo al ballerino di tango Adriano Mauriello e al maresciallo dei carabinieri Luca Tosco di Sant’Andrea di Conza. A decretare i vincitori una giuria composta da Wanda Marasco (Presidente di Giuria), Giampiero Neri, Armando Saveriano (Presidente dell’Associazione Culturale “Logopea”), Costanzo Ioni, Alfonso Nannariello, Davide Cuorvo, Carmina Esposito, Floriana Guerriero e Flavia Balsamo. Per la sezione adulti – libro di poesie edito a partire dal 2011 è risultata vincitrice Ketti Martino (Napoli) con l’opera “Del distacco e altre impermanenze”, La Vita Felice, seguita da Floriana Coppola (Napoli) con l’opera “Mancina nello sguardo”, La Vita Felice, terzo premio per Carlangelo Mauro (San Paolo Belsito – NA) con l’opera “Il giardino e i passi”, Archinto, quarto posto per Mario Morelli (Grottaminarda) con l’opera “Butta il banno”, Delta 3, quinto posto per Raffaele Stella (Avellino) con l’opera “Straniero nel mondo”, edito Tracce, sesto classificato Dario Zumkeller(Napoli) con l’opera “La calce di Ulkrum”, La Parola abitata. Premio speciale "Amelia Rosselli" per Annibale Rainone (San Gennaro Vesuviano – NA) con l’opera “I baci tra i poveri” mentre il riconoscimento intitolato a "Vittorio Bodini" è stato assegnato ad Antonio Califano (Contrada) con l’opera “Le somiglianze”. Menzione speciale a Giovanni Scafaro (Napoli) con l’opera "Nel verso della luce", segnalazione di merito per Luisa Colnaghi (Milano) con l’opera "Da una zona d’ombra". Per la sezione B – adulti – poesia inedita primo posto per Benito Galilea (Roma) con la poesia “Dormiveglia rusticani”; secondo posto per Pierfilippo Agosti (Napoli) con la poesia “Vita e morte di Guimarães Correa”; terzo classificato Alfonsino Caterino (Cipriano D’Aversa – Ce) con la poesia “Il tempo nelle mani”; quarto posto per Giovanni Nazzaro (Milano) con la poesia “Ti ha allevato la terra…”; quinto posto per Patrizia Sardisco (Monreale -Pa) con la poesia "Inventariata immobile", sesta classificata Carlotta Zanobini (Selvetelle-Terricciola – Pi) con la poesia “Memoria d’un pensiero di febbraio”. Premio speciale "Assunta Finguerra" per Luca Crastolla (Pezze di Greco – Br) con la poesia “Rue de Grammont”, premio speciale "Gabriella Maleti" per Paola Bajo (Spinea -Ve) con la poesia “Avevamo”; riconoscimento speciale della giuria a Costantino Pacilio (Manocalzati) con la poesia “La pioggia". Menzione speciale a Matilde Cesaro (Napoli) con la poesia “Manutenzione di un amore” e a Monica Borettini (San Michele di Tiorre – Pr) con la poesia “So che voi non pescate tra i subbugli…”.. Per la sezione dedicata agli studenti, primo classificato Carmine Mazzeo di Sant’Andrea di Conza con la poesia “Cosi si volse eco…”, secondo posto per Michele Amodeo di Atripalda con la poesia “Latin sangue gentile”, terzo premio ad Anna Maglieri di Palermo con la poesia "Di tutto questo la processione si è fatta" e Christyan Massa di Napoli con la poesia "Il vento". Premio speciale della giuria ad Antonello Capone di Montella con la poesia "Adolescenza".
A presentare la serata l’attrice Fiorella Zullo (Università dello Spettacolo – Napoli) e Davide Cuorvo, con l’attenta supervisione di Armando Saveriano, ideatore del premio. Presente alla cerimonia la Presidente della Commissione giudicante, la scrittrice Wanda Marasco, candidata e finalista al Premio Strega 2015, che ha sottolineato il valore di cui si caricano iniziative come queste, capaci di offrire visibilità alla poesia, di restituirle quel valore di forza aggregante e sguardo differente sul mondo, che ne è la cifra distintiva.
A caratterizzare la serata l’esibizione del pianista Luigi Bellino e l’applauditissimo omaggio di tango del coreografo e ballerino Adriano Mauriello.