Cratere del Vesuvio, implementata la cardioprotezione per i visitatori: Consegnati 5 nuovi defibrillatori alle Guide del Presidio

0
233

L’Ente Parco Nazionale del Vesuvio ha a cuore la vita dei suoi visitatori e compie un passo significativo per garantire la massima sicurezza. Oggi annunciamo con entusiasmo l’implementazione di un programma di cardio protezione al Cratere del Vesuvio, con l’aumento della dotazione di defibrillatori. Questa iniziativa mira a rendere il sito non solo un’esperienza straordinaria, ma anche un luogo dove la sicurezza e il benessere dei visitatori sono priorità assolute.

Il Cratere del Vesuvio, sentiero n° 5 del Parco Nazionale del Vesuvio, nell’ultimo anno è stato visitato da oltre seicentomila visitatori. L’Ente Parco Nazionale del Vesuvio, con le Guide Alpine e Vulcanologiche del Presidio Permanente Vulcano Vesuvio, si impegnano da sempre per garantire la più ampia fruizione possibile ai propri visitatori, nel rispetto della sicurezza delle condizioni di visita.

L’Ente Parco già assicura un servizio primo soccorso con la presenza di un’ambulanza sul Gran Cono per garantire il primo intervento ai turisti e il soccorso in caso di necessità.

Lungo il percorso che conduce all’orlo craterico erano già presenti dei defibrillatori e numerosi sono stati gli interventi che in questi anni le Guide hanno assicurato salvando vite.

L’Ente Parco ha implementato la presenza di queste apparecchiature portando la dotazione a 7 unità. Questi sono stati dislocati lungo i 1700 metri di percorso per garantire il pronto intervento delle Guide e rispondere all’esigenza di rianimazione, contemplato in 4/6 minuti dai protocolli sanitari in caso di arresto cardiaco.

I defibrillatori consegnati, stamattina dal Presidente dell’Ente Parco Nazionale del Vesuvio, Raffaele De Luca, al Presidente delle Guide del Presidio Permanente Vulcano Vesuvio – Paolo Cappelli – sono i REANIBEX-100.

Modelli di ultima generazione semiautomatici. Un defibrillatore destinato ad essere utilizzato per il trattamento dell’arresto cardiaco in pazienti adulti e pediatrici.

Quando collegato ad un paziente, il REANIBEX 100 analizza automaticamente il segnale ECG e decide se è necessario o meno erogare una scarica. Se viene riconosciuto un ritmo defibrillabile il dispositivo caricherà automaticamente il condensatore e a seconda della versione del dispositivo (automatico o semiautomatico) verrà richiesto all’utente di premere il pulsante per erogare la scarica. Il dispositivo guiderà l’operatore durante l’intervento mediante messaggi vocali e visivi. I REANIBEX 100 sono stati forniti dalla società Arpaia S.r.l. di Pompei.

Il Cratere del Vesuvio – dichiara il Presidente dell’Ente Parco Nazionale del Vesuvio Raffaele De Luca – è il luogo più visitato del Parco Nazionale del Vesuvio ed è raggiunto, ogni anno, da visitatori di ogni età e che provengono da ogni parte del mondo. Molti vengono al Vesuvio per ascoltare l’energia che il Vulcano emana, le pulsazioni della terra. Una visita esperienziale unica. Far ascoltare il vulcano Vesuvio in piena sicurezza è una priorità dell’Ente Parco.

È per questi motivi – aggiunge il Presidente dell’Ente Parco Nazionale del Vesuvio Raffaele De Luca – che abbiamo deciso di aumentare la cardio protezione presso il Cratere del Vesuvio aggiungendo ai defibrillatori già in dotazione alle Guide del Presidio Vulcano Vesuvio, dispositivi di ultima generazione.

Queste dotazioni rafforzano il servizio di primo soccorso garantito dalle Guide e dall’ambulanza che, come Ente Parco, assicuriamo e che staziona nel Piazzale di quota 1000.

Abbiamo a Cuore l’incolumità e la salute dei visitatori che visitano il cratere del Vesuvio – conclude il Presidente De Luca – e l’impegno alla cura e alla sicurezza della visita è per noi prioritario, con questa ulteriore implementazione visitare il Cratere del Parco del Vesuvio sarà ancora più gradevole e sicuro”.

Il Presidente del Presidio Vulcano Vesuvio Paolo Cappelli dice: “Sul sentiero che conduce al Cratere del Vesuvio abbiamo 5 punti DAE, ma è intuibile che interveniamo all’occorrenza dappertutto.

Il nostro Presidio è preparato e sempre pronto ad agire per qualsiasi tipo di emergenza.

Infatti, il Collegio delle Guide Alpine e Vulcanologiche ci impone costantemente corsi di aggiornamento, dal primo soccorso per traumi alla rianimazione cardio/polmonare con l’utilizzo del defibrillatore.

Storicamente gli interventi effettuati non sono pochi, cerchiamo sempre di mantenere un livello di attenzione alto per garantire la massima sicurezza ai visitatori.