Cresce l’area progressista, alternativa a Grasso, insieme con il PD

0
1009

Area progressista, crescono le adesioni da Campania, Toscana, Veneto, Emilia Romagna, Lombardia. Michele Ragosta. “Proseguiamo nel solco di Pisapia. Da noi porte aperte a chi non vuole stare con Grasso”. Crescono le adesioni ad Area Progressista, il movimento di centrosinistra nato dalla scissione di Campo progressista di Giuliano Pisapia. Il
parlamentare campano, Michele Ragosta, tra i promotori di Area Progressista – che confluirà nella lista Insieme-Italia Europa – sta continuando a registrare adesioni dalla Campania e da altre regioni d’Italia, da parte di
parlamentari, amministratori locali, aderenti alle Officine delle idee ed ex di Campo progressista, i quali stanno sollecitando per tenere a breve, già entro la fine dell’anno, un’assemblea nazionale per dare forma e contenuti al soggetto politico. Nel frattempo, dopo l’adesione dell’on. Adriano Zaccagnini, nelle ultime si sta registrando l’interesse da parte di altri parlamentari. “C’è entusiasmo e voglia di proseguire nel percorso tracciato da Campo progressista e da Giuliano Pisapia – afferma l’on. Ragosta – soprattutto tra i parlamentari che avevano sposato il progetto di Cp, come i parlamentari Luigi Lacquaniti e il senatore Luciano Uras, nonché di parlamentari provenienti da altri schieramenti, come l’on. Angelo Mario D’Agostino (Scelta Civica) che potrebbe essere seguito anche dai colleghi Valentina Vezzali ed Ernesto Auci.