Crisi in città, migranti, Gal, referendum: Rifondazione comunista convoca assemblea pubblica

0
335

 

E’ convocata per sabato 17 settembre alle ore 16.30 presso il centro sociale “Samantha della Porta” una pubblica assemblea provinciale di Rifondazione Comunista, per discutere, deliberare e organizzare iniziative sui seguenti temi:
– Crisi amministrativa, politica e sociale città di Avellino, iniziative e proposte.
– Area vasta e gal
– accoglienza migrante
– referendum costituzionale
– adesione alla manifestazione nazionale pro Kurdistan, segue appello:
Il Partito della Rifondazione Comunista, nell’aggravarsi generalizzato della situazione politica e militare in Turchia e nelle zone di combattimento in Siria, conferma il proprio incondizionato appoggio alla causa del popolo del Kurdistan e di quanti si battono per un modello politico e sociale antiliberista, contrario a ogni fondamentalismo, pluriculturale, partecipato, anti patriarcale e capace di costruire, anche in condizioni di guerra, democrazia dal basso. Per questo invitiamo militanti e simpatizzanti a partecipare in massa alla manifestazione nazionale promossa da Uiki e Rete Kurdistan, “In piazza per il Kurdistan” che si terrà sabato 24 settembre a Roma, alle ore 15, con concentramento a Porta Pia.
Le parole d’ordine su cui è convocata la manifestazione sono di condanna verso:
L’indegno accordo UE – Turchia stipulato sulla pelle dei profughi, dei kurdi, e delle forze democratiche;
L’attacco che le forze turche, di diversi paesi NATO e, altre potenze imperialiste interessate all’area, muovono verso le esperienze di resistenza anti Isis del Rojava;
Rivendichiamo inoltre, che sia posto fine all’ingiusta prigionia cui è condannato il Presidente Ocalan.
Quello che si va determinando quotidianamente in quell’area martoriata è un tentativo di pulizia etnica e di distruzione di massa.
I Governanti occidentali tacciono. Rifondazione Comunista considera la battaglia politica e militare che si sta combattendo in questi giorni decisiva anche per il futuro dell’Europa. È il momento di schierarsi, le nostre compagne e i nostri compagni sanno bene da che parte stare.