Dimissioni Festa, le associazioni: è sempre mancata una visione dei problemi reali della città

Papa (Soma): un capoluogo smarrito. Ma in tanti si riconoscevano nel suo modo di fare Celli: ora Avellino può rinascere. Troisi (Centrodonna): tanti dubbi anche prima dell'inchiesta Iannillo (Arci): dopo la sbornia collettiva una piazza vuota

0
332

C’è sconcerto anche tra le associazioni irpine sulla vicenda delle dimissioni di Festa all’indomani della bufera giudiziaria abbattutasi sull’amministrazione comunale. Sconcerto ma anche la consapevolezza delle divisioni esistenti nel tessuto sociale

Vittoria Troisi del Centrodonna sottolinea come “L’inchiesta, a cui sono seguite le dimissioni, ci restituisce, innanzitutto, l’idea che la magistratura è un organismo che funziona bene. C’è da dire che la parte sensibile e attenta della città nutriva già tanti dubbi, prima ancora della scoperta delle inadempienze legate al mancato rispetto della legge. Appariva già chiaro che i metodi utilizzati non erano rivolti al bene comune. Far funzionare una città significa garantire servizi alla famiglia, agli anziani, alle fasce sociali disagiate. Avellino è una città oberata di cose non fatte, a cui faceva da contraltare l’ottimismo del sindaco, il suo usare le parole per millantare, senza poi intervenire sui problemi del capoluogo. Ma la città è fatta di persone, che non possono stare bene se non ci sono consultori o servizi di assistenza. Già qualche mese fa qualche consigliere aveva denunciato come i soldi per l’estate avellinese derivassero dalle tasse pagate dai cittadini, parlando di poca trasparenza dell’azione amministrativa. La stessa idea di cultura di cui si è fatta promotrice la giunta Festa appariva pericolosa, perchè la riduceva a un vaso da riempire con eventi, artisti o idee provenienti da fuori, in cui i cittadini erano chiamati ad assistere o a fruire di concerti o spettacoli, senza mai esserne protagonisti. Lo stesso Eliseo ne è un esempio, non è mai diventato casa del cinema ma veniva strumentalizzato dall’amministrazione comunale per farsi belli all’esterno, si millantava un amore per il cinema che non c’è mai stato. Penso alla mancanza anche di un semplice schermo per proiettare i film di Scola. Il vero scandalo è sempre stato quello di un sindaco che non si preoccupava dei problemi reali della città. Oggi, in tanti, si stanno interrogando su tutto questo, quegli stessi che erano stati attirati dalla vivacità inaspettata della città, una vivacità dietro cui si nascondeva un sistema di potere che consentiva la distribuzione di centinaia di migliaia di euro tra amici e conoscenti”

La psichiatra Maria Grazia Papa di Soma, psichiatra, pone l’accento sullo smarrimento che “vive una parte della città. Il capoluogo si ritrova senza il collante sociale garantito dalle istutuzioni, che hanno una funzione simbolica oltre a quella amministratativa. Qualcosa di forte è accaduto ed è come se sull’intera città fosse caduta un’ombra scura, costretta a vivere una situazione di sfascio e incertezza sul proprio futuro. A cadere è stata l’idea stessa della politica del bene comune. Uno smarrimento che è anche quello di una parte della città che si è identificata con quest’atteggiamento spavaldo nei confronti delle regole e perde dunque un riferimento costituzionale con cui si riconosceva, come è chiaro dagli schieramenti pro e contro Festa, a cui oggi assistiamo”

Francesco Celli, anima dell’associazione InfoIrpinia, parla di un giorno molto importante per la città. “E’ stato messo sotto inchiesta un sindaco che non pubblica le delibere, che gestisce in maniera “opaca” i soldi pubblici e che incassa sponsorizzazioni tramite la sua DelFes da parte di aziende pagate dal Comune  Ovviamente la pompa magna delle iniziative organizzate ad Avellino, fatte passare come panacea di tutti i mali, hanno distratto gli avellinesi. Da oggi, con le dimissioni di Festa, Avellino ha una speranza come città e come comunità: quella di riprendersi. Di non farsi annebbiare ma di progredire seriamente. Di non farsi amministrare da ombrellini tutto fumo e niente arrosto, ma di far sentire accolte e riconosciute tutte le persone, a partire dai giovani e dai fragili. Forza Avellino, forza avellinesi. Un enorme grazie va alla magistratura: l’unica in grado di ristabilire la legalità”.
Stefano Iannillo di Arci ribadisce come “Bisogna augurarsi che le annunciate dimissioni del sindaco Festa gli consentano la tranquillità di affrontare e gestire al meglio la tempesta giudiziaria che sta investendo la sua amministrazione, che mette sul banco degli imputati il suo modo di fare politica e amministrare la città e con questo parte della classe dirigente politica e professionale di Avellino, perché a dispetto delle apparenze non si governa mai davvero da soli. Certo che dopo la festa, dopo la grande sbornia collettiva, ci ritroviamo una piazza vuota, piena di sporcizia, da ripulire e rimettere a nuovo per ricostruire un pur labile senso di fiducia tra le persone e le istituzioni, tra le persone e il processo democratico di esercizio del potere pubblico. Alla solitudine del sindaco si aggiungono le infinite solitudini dei suoi cantori, dei tifosi, di quella parte della comunità che negli ultimi anni è stata portata ad identificarsi con lui”.
Spiega come “La nostra è una comunità che a causa di questo modo di governare – e anche dei tanti interessi consolidati di chi pure non stava con Festa – nell’ultimo quinquennio ha subito fratture profonde, barricate e odi che hanno alimentato un clima da guerra civile che sarà difficile rimarginare. Un clima che solo con la politica potrà essere superato come condizione necessaria per uscire da un contesto di crisi economica e sociale profonda.
Ci dobbiamo tutti augurare per i prossimi mesi che la massima chiarezza e trasparenza venga fatta su quanto accaduto negli ultimi anni a palazzo di città e sopratutto che ognuno decida di assumersi la propria responsabilità nella cura di Avellino e della sua comunità.
Senza false illusioni giudiziarie, senza ricerca di vendette trasversali, ma esclusivamente con la politica, la democrazia, la ricerca del benessere collettivo”