Dogana, riparte il cantiere. Festa: “Restituiremo al monumento il suo splendore”

Gli uffici del Comune hanno firmato il subentro all’impresa “Imprecal” di Sirignano, dopo la rescissione in danno con la “Sapit” di Roma. La nuova aggiudicazione è avvenuta con lo stesso importo di quella precedente

0
485

Il Comune di Avellino ha chiuso l’iter per il subentro dell’impresa “Imprecal” di Sirignano nell’appalto per la riqualificazione dell’antico edificio di piazza Amendola.

Dopo aver rescisso in danno il contratto con la “Sapit” di Roma, che si era classificata al primo posto nella gara, per le “gravi inadempienze” riscontrate, gli uffici di Piazza del Popolo hanno verificato i requisiti della seconda ditta e firmato, questa mattina, la determina che le affida i lavori.

“Imprecal” si aggiudica i lavori allo stesso ribasso, pari al 25 per cento, dell’impresa precedente. Dunque a saldi invariati, con l’importo di aggiudicazione che resta confermato nella misura complessiva di 2.303.795,64 euro, oltre Iva.

Con lo stesso provvedimento viene dato mandato al responsabile del procedimento e al direttore dei lavori di provvedere all’adozione di tutti gli incombenti conseguenti per l’avvio delle lavorazioni.

Il sindaco di Avellino, Gianluca Festa, commenta così la ripartenza del cantiere della Dogana: “La riqualificazione della Dogana è una priorità di questa Amministrazione. Con il subentro appena formalizzato, ripartiamo con rinnovata energia per realizzare i lavori e restituire all’opera il suo antico splendore, nel rispetto del cronoprogramma che ci siamo dati. – evidenzia – Si tratta di un intervento che ci sta particolarmente a cuore e che rappresenterà il motore del rilancio turistico e culturale del centro storico di Avellino. La nostra – conclude il sindaco – sarà l’Amministrazione che archivierà definitivamente decenni di degrado e abbandono per la nostra amata Dogana“.