E ora abbiamo paura

0
1785

Di Monia Gaita

Il sentimento che ci unisce tutti in queste ore è la paura.

Una paura che infetta anche se non ci ammaliamo. Una paura che ci contagia anche se non lo vogliamo.

Leggi, decreti e ordinanze si susseguono sui tavoli istituzionali, provano a traghettarci verso un unico obiettivo: salvare vite umane.

La nostra Costituzione così recita all’art.32 comma 1: La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività, e garantisce cure gratuite agli indigenti.

La paura la proviamo perché la sacca di limiti del sistema sanitario è così larga e profonda che rischia di inghiottirci in parecchi, prima che il virus sfebbri e si contragga, prima che fuoriesca dalle viscere dell’aria inerpicandosi sulle pareti – speriamo definitive – dell’addio.

Per ora è tra noi, con il grilletto facile e il piacere di colpire associato alla clandestinità. Disubbidisce ai provvedimenti e alle chiusure, lasciandoci storditi e schiavi di indecifrabili timori.

Non riuscendo a mostrarci leggeri e lieti, collaudiamo pure il lockdown dell’allegria. Tanto se sorridiamo non ci vede nessuno: la faccia sequestrata dalla mascherina dopo un po’ di tempo diventa un miniforno a 60°.

Abbiamo paura. In questi rivoli di insicurezza e sospensione ci siamo visti costretti a congelare pure i sogni. Adesso stanno fermi in ascensore.

Nel mondo angosciato dall’emergenza sanitaria ed economica, l’emergenza della gioia pare certo meno allarmante e grave.

Ma incute paura anche quella. Mettono paura le famiglie in affanno, i negozi e le aziende che chiudono, i lavoratori senza lavoro, le penurie degli ospedali, parto di una Sanità depauperata.

Il buonumore dei figli, dei genitori, dei nonni, dei piccoli e dei grandi, è stato posto in quarantena. E pure questo fa paura.

La quarantena dello spirito fa paura. La quarantena dell’anima fa paura.

Scoprirsi esposti e fragili con un nitore da rivelazione, fa paura.

E fa male, fa veramente male.