False residenze a Quindici: notificati 15 avvisi Indagato il sindaco

Sono accusati a vario titolo di falso in atto pubblico commesso da pubblico ufficiale e da privati in concorso.

0
314
La sede del comune di Quindici

False residenze alle elezioni amministrative  del 2020: indagate 15 persone.  Notificati nei giorni scorsi dai Carabinieri della Compagnia di Baiano gli avvisi di conclusione delle indagini preliminari nei confronti di  15 persone  accusate a vario titolo di falso in atto pubblico commesso da pubblico ufficiale e da privati in concorso. L’inchiesta nata dopo la denuncia presentata a seguito delle  elezioni amministrative  e condotta dai Carabinieri della Stazione di Quindici.  A firmare gli avvisi il sostituto procuratore Cecilia De Angelis. Iscritto nel registro degli indagati  anche il sindaco di Quindici Eduardo Rubinaccio. Oltre a Rubinaccio sono indagate altre quattordici persone che risultavano residenti a Quindici, ma  secondo l’accusa lo erano in modo fittizio. Secondo gli organi inquirenti  il primo cittadino  avrebbe commesso in concorso con altri soggetti  atti illeciti che avrebbero permesso ai presunti falsi residenti  di votare alle  elezioni comunali di settembre del 2020, senza non averne diritto.