Foscarini: “Siamo stati poco determinati, errori evitabili”

0
658

Mister Foscarini non usa tanti giri di parole a fine partita nel sottolineare gli errori difensivi: “Abbiamo sparato a salve, ci siamo andati con poca cattiveria, abbiamo rivitalizzato noi il Palermo. Non siamo stati bravi davanti a fare gol, abbiamo concesso troppi errori, due rigori in casa del Palermo sono troppi. Situazioni evitabili, dispiace perché si poteva ottenere una sconfitta meno pesante, anzi se fosse stato l’Avellino visto con Perugia e Frosinone avremmo visto anche un altro risultato. Non mi piace recriminare ma è così, mi auguro serva da lezione. Non capisco perché non c’è stato un rigore per noi, dalla panchina sembrava evidente, poi Molina poteva pareggiare e ha sbagliato. L’episodio diventa favorevole se tu ci sei e a tratti non siamo stati concentrati sulla partita e mi dispiace. La squadra è stata timorosa e timida, non abbiamo superato l’esame della personalità oggi.

Il modulo? Ho cambiato in corsa perché Gavazzi e Molina non facevano i movimenti giusti, ho preferito cambiare, pensavamo forse di avere più riferimenti e invece abbiamo avuto delle difficoltà. Riportando Gavazzi sottopunta abbiamo ritrovato equilibrio ma eravamo già in svantaggio. Ardemagni ha fatto la sua partita, è stato positivo, ci ha messo impegno, ci è mancata un po’ di fortuna, ne avrebbe bisogno in questa fase, si prolunga il suo digiuno, pensavo che oggi con l’impegno potesse sbloccarsi. A volte è rimasto solo a lottare in avanti, ma sul piano della prestazione è stato positivo. Ora spero di recuperare molti degli infortunati, penso che D’Angelo e Migliorini saranno a disposizione, Migliorini poteva giocare già oggi ma ho preferito non rischiare. La prossima settimana ci saranno loro, Castaldo che rientra dalla squalifica, e forse anche Falasco e Pecorini.

Ora il calendario mi mette contro il Cittadella, ma a me sta a cuore solo la salvezza dell’Avellino. Pensiamo al Carpi e poi al Cittadella, lì sono stato 10 anni ma ora ho in testa solo l’Avellino e mantenere la categoria. Meno timidi e più determinati d’ora in poi. Ci sono stati dei risultati un po’ a sorpresa oggi, risultati che ci stanno, siamo in tanti la classifica è corta, ma siamo noi fautori del nostro destino”.