Franciscus, Simone Cristicchi racconta sul palco di Lacedonia il santo che credeva nell’armonia dell’uomo col creato

0
275

Sarà Simone Cristicchi a salire sul palco del Teatro di Lacedonia il 24 marzo, alle 20.30. L’artista romano interpreta Cencio e ripercorre la vita di San Francesco, fra santità e follia nell’opera teatrale “Franciscus”.

Franciscus è l’estremista, il folle che parlava agli uccelli, che vedeva la sacralità e la bellezza in ogni volto di persona ma anche di animale, e non solo in essi ma anche nel sole, nella morte, nella terra su cui camminava insieme agli altri. Cristicchi sceglie di partire dall’attualità del suo messaggio. Cosa può dirci la filosofia del “ricchissimo” di Assisi, nella confusione della modernità affamata di senso, nelle promesse tradite del progresso? Dopo il grande successo di Happy Next, Simone Cristicchi continua a stupire il pubblico teatrale con un nuovo progetto in solo che realizza con il Centro Teatrale Bresciano, dedicato questa volta a San Francesco.

Al centro di questo spettacolo, il labile confine tra follia e santità, tema cardine della vita personale e spirituale di Francesco. Ma anche la povertà, la ricerca della perfetta letizia, la spiritualità universale, l’utopia necessaria di una nuova umanità che riesca a vivere in armonia con il creato. Temi che nel frastuono della società in cui viviamo diventano ancora più urgenti e vividi.

Uno spettacolo ad alta intensità emotiva, che fa risuonare potenti in noi le domande più profonde e ci spinge a ricercarne una possibile risposta.