Furti tra Airola, Montesarchio e Sant’Agata de’ Goti: al vaglio le immagini delle telecamere

Summit alla prefettura di Benevento dopo l'escalation dei raid

0
431

Dopo i furti, i controlli: il prefetto di Benevento Carlo Torlontano ha presieduto stamane una riunione del Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica finalizzata alla disamina della situazione dell’ordine e della sicurezza pubblica nei comuni di Airola, Montesarchio e Sant’Agata de’ Goti. Questi tre centri sono stati interessati da alcuni recenti episodi di furti nelle abitazioni, sui quali sono in corso indagini da parte delle forze di polizia.

Nel corso dell’incontro, al quale hanno partecipato il questore, i comandanti provinciali dell’Arma dei carabinieri e della Guardia di finanza e i sindaci dei predetti Comuni, si è proceduto ad un’approfondita analisi dell’andamento della delittuosità, da cui è emerso un trend in lieve aumento per i reati predatori, in linea con l’andamento nazionale.

Illustrata nel dettaglio l’attività di contrasto posta in essere per garantire le migliori e più adeguate risposte al senso di insicurezza percepito dalla cittadinanza, attività che si sta sviluppando attraverso servizi straordinari di controllo del territorio con l’impiego di unità delle aliquote delle squadre di intervento operativo dell’Arma dei carabinieri e del reparto Prevenzione Crimine Campania della polizia di Stato a supporto della quotidiana azione di vigilanza e di controllo svolta dagli organi di polizia sia nei centri urbani che nelle aree periferiche dei comuni interessati.

E’ stato effettuato anche un monitoraggio dei sistemi di videosorveglianza esistenti nei tre Comuni al fine implementare il “sistema sicurezza” nella consapevolezza della valenza strategica di tale impiantistica, spesso rivelatasi decisiva nelle indagini condotte dalle forze di polizia per l’individuazione degli autori dei reati, che, oltre ad essere incrementata, in particolare nelle aree sprovviste di telecamere e scarsamente illuminate, deve essere oggetto di costante ed attenta manutenzione da parte delle amministrazioni locali per assicurarne un funzionamento ottimale.

Il Prefetto, a conclusione dei lavori del Comitato, ha espresso viva soddisfazione per il costruttivo apporto di tutti i partecipanti in sede di disamina delle criticità analizzate, sottolineando “l’importanza della cooperazione attiva tra le istituzioni territoriali per rispondere alla domanda di sicurezza che viene dalle comunità locali e del prezioso contributo che i cittadini possono offrire nello sforzo sinergico di prevenzione dei reati di microcriminalità mediante l’adozione di misure di difesa passiva e la segnalazione tempestiva alle Forze di polizia di fatti ed episodi che possano incidere sulla regolare tenuta dell’ordine e della sicurezza pubblica”.