Gli studenti del 5° Circolo didattico “Giovanni Palatucci” in visita al Comune

0
548

 

Una delegazione di piccoli studenti di quinta elementare che frequenta il 5° Circolo Didattico “Giovanni Palatucci” ha visitato la sede municipale di Piazza del Popolo.
Ad accompagnare i ragazzi la preside Angela Tucci, le insegnati Angela Masucci e Antonietta Camarca, referente del progetto scolastico “Baby Consiglio – Baby Sindaco”.

Gli alunni hanno prima visitato gli uffici dell’Anagrafe accompagnati dal dipendente Domenico Meoli, per poi continuare il giro nella Sala consiliare di Palazzo di Città, presso gli uffici della cultura, della pubblica istruzione e presso l’Ufficio stampa del Comune accompagnati dal funzionario Alberto Iandoli. Gli studenti hanno poi incontrato il Sindaco Paolo Foti al quale hanno consegnato una serie di richieste e delle indicazioni al fine di migliorare la vivibilità nella propria città. Presenti al confronto con gli alunni anche il Vicesindaco Maria Elena Iaverone, il Presidente del Consiglio Livio Petitto, gli assessori Teresa Mele (cultura) e Marco Cillo (politiche sociali), il consigliere Giuseppe Giacobbe (delegato allo sport e alla pubblica istruzione).

Il Primo cittadino ha risposto punto per punto a tutte le domande e alle curiosità fatte dagli alunni tese a conoscere meglio il funzionamento dell’Amministrazione comunale e le attività che svolge quotidianamente.
“Credo sia stata una bella esperienza per gli studenti che hanno mostrato grande interesse per l’attività amministrativa – ha spiegato a margine dell’incontro il Primo cittadino – un’occasione per dare modo ai ragazzi di conoscere l’organizzazione e i compiti dell’Amministrazione comunale e dei suoi organismi. Una iniziativa molto utile che ha consentito ai piccoli studenti di vedere sul campo come è strutturato l’Ente e come funziona il Consiglio Comunale. I ragazzi, inoltre, hanno potuto comprendere in tempo reale il ruolo dell’Amministrazione e distinguere la fase della gestione dei servizi da quella della gestione politica e dei programmi”.