I Vigili del fuoco celebrano Santa Barbara. Bellizzi: al fianco della gente, ma serve più personale

0
438

Nel giorno dedicato alla patrona Santa Barbara, i vigili del fuoco di Avellino si sono ritrovati al Santuario del Rosario di Avellino immersi nella preghiera e nel rinnovo di un impegno quotidiano al fianco delle persone in pericolo. Alcuni interventi segnano profondamente le coscienze dei caschi rossi, e non potrebbe essere altrimenti.

Come quello raccontato dal vigile Carmine Galasso, riferendosi all’incendio esploso a Parco Abate, agosto 2021: «Sapevamo che la signora doveva essere all’interno o su un balcone e noi tutti della squadra  l’abbiamo cercata per portarla in salvo nel tempo più velocemente possibile e ci siamo riusciti. La cooperazione di tutti i funzionari, dal capoturno al caposquadra, ci ha permesso di coordinare bene l’intervento, oltre agli altri colleghi che erano con me sul posto e hanno dato la possibilità di portare in salvo la signora». Momenti drammatici, accompagnati sempre da tensione e paura, «ma diciamo che riusciamo a gestirla, cerchiamo sempre di trovare più opportunità per portare a termine il nostro intervento nei migliori dei modi e in questa situazione siamo riusciti nell’impresa».

Il comandante dei Vigili del fuoco di Avellino, Mario Bellizzi, sottolinea il forte legame da sempre stretto con la popolazione Irpina, evidentemente rinsaldato a causa di eventi catastrofici qual è stato il terremoto del 1980. E poi c’è il futuro: «La manifestazione di Santa Barbara è stata dedicata alla città, in particolare ai bambini – ha detto l’ingegnere Bellizzi- Abbiamo esposto tutti i nostri mezzi per essere visti e apprezzati dai più piccoli. Dopo la cerimonia religiosa, seguirà lo stendimento del tricolore con l’inno di Mameli, e artisti di strada cercheranno di intrattenere i bambini. La festa è pensata proprio per loro. In collaborazione con il Comune di Avellino, abbiamo illuminato il nostro camion dismesso con luci natalizie. Tra qualche giorno, questo camion sarà posizionato davanti al comando di Avellino, sperando che i bambini, passandoci accanto, ne restino affascinati, unendo così la magia del Natale all’entusiasmo per i Vigili del Fuoco».

Il comandante ha tracciato anche un bilancio degli interventi svolti quest’anno: circa 7.000  di soccorso tecnico urgente., una buona parte ha riguardato incendi, incidenti stradali e aperture di porte, mantenendo sostanzialmente le stesse proporzioni dell’anno precedente. Gli incidenti stradali continuano a rappresentare una percentuale significativa degli interventi dei Vigili del Fuoco. «Speriamo che, partecipando attivamente alla prevenzione, soprattutto per quanto riguarda la sicurezza stradale, si possa ridurre tali numeri nell’anno prossimo. Tuttavia, dobbiamo affrontare carenze operative, in particolare per quanto riguarda i capisquadra e gli autisti. La carenza di autisti è particolarmente critica, ferma al 40%. I nostri capi turni devono compiere sforzi straordinari per preparare i servizi dei giorni successivi, rendendo la gestione del soccorso estremamente difficile in queste circostanze».