IIA, incontro tra Governo e sindacati per il futuro dello stabilimento

Al sottosegretario Bergamotto stamattina a roma saranno posti alcuni quesiti. Zaolino: “Le chiederemo se si intende produrre autobus in valle Ufita o trasferirsi all'estero”

0
656

Si parte da qui, stamattina,  per arrivare, dooo un viaggio di qualche ora, nella Capitale.  Non sarà una gita ma l’ennessimo incontro al Ministero del Made in Italy,  tra il governo, rappresentato dalla sottosegretaria Fausta Bergamotto,  ed i rappresentanti sindacali di Fiom Cgil, Fismic, Fim Cisl e Uilm. Per parlare della crisi, anche questa non nuova, della Industria Italiana Autobus. Sarà affrontato,  nella sala del Parlamentino di via Molise, un argomento a cui bisogna, come ha detto il segretario provinciale Fismic, Giuseppe Zaolino,” dare una risposta netta e precisa. E, se possibile, anche definitiva, per decidere il futuro di questo stabilimento”. Alla Bergamotto,  che farà le veci del ministro Adolfo Urso, e quindi al governo Meloni, saranno posti alcuni quesiti.” Le chiederemo- dice ancora Zaolino- se si intende produrre autobus in valle Ufita o trasferirsi all’estero”. Quindi,  un piano industriale.  Che insieme alla ricapitalizzazione, ricordiamo che l’assemblea dei soci azionisti per ratificarla è stata rimandata per la seconda volta, e Invitalia che tra qualche mese,  è intenzionata a lasciare sono gli altri punti messi sul tavolo romano. Intanto, sempre la Fismic, attraverso il suo segretario provinciale, che oggi sarà accompagnato dal nazionale Roberto Di Maulo, sostiene che” chi ha prodotto debiti deve farsi da parte”. E quando Invitalia lascerà il terzetto dei soci di maggioranza,  chi subentrerà?” Sarà pubblico o privato- chiede Zaolino-“?.Una cosa è certa: tutti i sindacati, oggi, vorranno sapere se, il Governo Meloni,” intende uscire allo scoperto”.