Il camper dei diritti della Cgil a Solofra e Sant’Angelo dei Lombardi, Picariello: no all’autonomia differenziata, necessario unire le forze

0
393

Ha fatto a Solofra e Sant’Angelo dei Lombardi, due aree dell’Irpinia diventate simbolo del dimensionamento scolastico il camper nazionale della federazione lavoratori della conoscenza CGIL. La segretaria Erika Picariello ha sottolineato con forza la necessità di “Il progetto relativo all’autonomia differenziata prosegue senza aver individuato i livelli essenziali di prestazione – LEP. Penso alla scuole e agli effetti del dimensionamento: malgrado la nostra campagna di sensibilizzazione, i cittadini non hanno compreso pienamente quali saranno gli effetti di questa riforme e come saranno penalizzati gli istituti irpini e la popolazione scolastica. Ecco perchè abbiamo scelto di partire da una città come Solofra che è stata una delle più bistrattate dal dimensionamento con lo smembramento del Ronca, un istituto che si trova in un territorio così vasto, della cui specificità, l’indirizzo conciario, nessuno si è ricordato quando si è parlato di possibili proroghe”.  Di qui la necessità di ripartire da un’informazione più capillare, da una sinergia di forze.

“Abbiamo iniziato nel 2015 continuato nel 2019, – prosegue Picariello – partecipato ad ogni raccolta firme contro l’Autonomia Differenziata che divide l’Italia e la conoscenza.
Abbiamo continuato sostenendo l’anno scorso la raccolta firme per la Legge di iniziativa popolare che modificava gli effetti distorti della riforma del Titolo V della Costituzione introducendo i livelli uniformi e non essenziali delle prestazioni e continuiamo oggi.
Il DDL e’ incardinato alla Camera senza aver previsto la spesa per garantire i livelli essenziali delle prestazioni con la pretesa di siglare gli accordi Governo – Regioni senza affrontare il tema della perequazione.
Non ci fermeremo e racconteremo paese per paese nella nostra Irpinia come peggiorerà la vita di noi tutti, avremo meno scuola (lo abbiamo visto già col dimensionamento) , meno sanità’ , meno trasporti, meno welfare.
Tutti quelli che vivono del proprio salario devono sapere che questo Governo ha preso di mira il lavoro e i contratti collettivi nazionali, che la riforma del premierato e’ funzionale a garantire l’uomo o la donna forte al comando nel caos generale che si genererà per effetto di un impoverimento che ci riguarderà tutti, soprattutto nel Mezzogiorno, soprattutto nelle aree interne. Come Flc Cgil con la Cgil e tutte le categorie della Cgil abbiamo chiesto ai Parlamentari del Collegio di compiere con noi un gesto simbolico: aiutarci a rimettere insieme l’immagine dell’Italia che col nostro camper sta girando in ogni provincia da Nord a Sud, per fare fronte comune con Sindaci, amministratori, forze sociali, associazioni, il Comitato ‘ La via maestra – Salviamo la Costituzione – e impedire che il nostro Paese venga spezzato da un progetto folle e dannoso”
A Sant’Angelo dei Lombardi il confronto ha coinvolto il presidente di Anci Campania Carlo Marino (sindaco di Caserta), i deputati Franco Mari (gruppo Avs), Michele Gubitosa (M5S), Piero De Luca (Pd), il presidente del Progetto Pilota ‘Alta Irpinia’ Rosanna Repole (sindaco di Sant’Angelo dei Lombardi). A chiudere i lavori Christian Ferrari, segretario Cgil nazionale. A Solofra la Cgil si è confrontata con il presidente del Consiglio comunale di Solofra, quindi spazio a volontinaggio presso le fabbriche del distretto conciario.