Il Fondo bibliotecario “Giovanni De Matteo” al museo etnografico di Aquilonia

Lunedì 18 marzo la manifestazione con il ministro Piantedosi e il deputato Gubitosa

0
295

Il Comune di Aquilonia e il Museo Etnografico di Aquilonia “Beniamino Tartaglia” annunciano la presentazione del Fondo bibliotecario “Giovanni De Matteo”, illustre cittadino di Aquilonia e figura di spicco nel panorama giuridico italiano, recentemente acquisito al patrimonio del museo altirpino. La cerimonia di presentazione avrà luogo il 18 marzo 2024, alle ore 10:30, presso la Biblioteca del Museo Etnografico e vedrà la partecipazione del Ministro dell’Interno Matteo Piantedosi. All’evento parteciperanno l’On. Michele Gubitosa, il Presidente della Provincia di Avellino Rizieri Buonopane, le più alte cariche militari, i sindaci del territorio, le istituzioni locali e le massime autorità laiche e religiose.

Nato ad Aquilonia nel 1912, Giovanni De Matteo si è laureato in Giurisprudenza presso l’Università degli Studi di Napoli Federico II ed ha dedicato la sua vita alla giurisdizione, servendo come magistrato a Napoli, Milano e Roma. Ha ricoperto incarichi di massima rilevanza: membro del Consiglio Superiore della Magistratura, Procuratore Capo della Repubblica di Roma e Presidente di sezione della Suprema Corte di Cassazione.
Il programma sarà avviato alle 9.30 e prevede una visita riservata al Museo Etnografico, guidata dal Direttore del museo arch. Vincenzo Tenore; seguirà, alle 10:30, una breve cerimonia di inaugurazione della sezione dedicata al magistrato irpino e dell’allestimento che riproduce il suo studio romano, con oggetti personali che raccontano l’attività professionale e gli affetti privati di De Matteo.

Di seguito il commento del Sindaco di Aquilonia Antonio Caputo: “L’evento di lunedì sarà un’occasione per mettere in luce la vita e l’opera di Giovanni De Matteo e per promuovere la cultura e la condivisione del sapere nella nostra comunità. La presenza del Ministro Piantedosi, irpino d’origine, sarà per la nostra comunità un onore oltre che un’occasione importante per valorizzare il patrimonio culturale e le eccellenze locali. Iniziative di questo genere non solo celebrano le personalità di spicco nate in questa terra, ma contribuiscono anche ad arricchire il tessuto culturale e sociale della nostra comunità. Ringraziamo il Ministro Piantedosi per la sua partecipazione e il suo sostegno a questa iniziativa, che rafforza il legame tra le istituzioni nazionali e il nostro territorio.”

Così il Direttore del Museo etnografico Vincenzo Tenore: “Ricevere il Fondo De Matteo consente al Museo una ulteriore occasione di accrescimento del valore documentale della Biblioteca, che potrà mettere così a disposizione del pubblico generale e dei ricercatori il prezioso materiale appartenuto a un magistrato che ha retto le fila di numerose delicate inchieste, occupando ruoli chiave dell’amministrazione della giustizia in anni in cui l’Italia era scossa dagli attacchi di organizzazioni terroristiche allo Stato e nel corso dei quali la stessa Magistratura veniva sottoposta a forti tensioni attraversando vicende controverse. La figura di De Matteo merita di essere approfondita e speriamo che la messa in condivisione del materiale acquisito al patrimonio museale possa contribuire a delineare meglio non solo i contorni di un personaggio nodale della storia della ‘Prima Repubblica’, ma anche la dinamica di accadimenti ancora meritevoli di approfondimento storico.”