Il premier Renzi è arrivato a Napoli, proteste in strada: nel pomeriggio tocca ad Avellino

0
386

 

Alcune decine di manifestanti hanno cercato di raggiungere piazza del Plebiscito a Napoli, sede della Prefettura, dove è atteso il premier Matteo Renzi per la firma del Patto per Napoli con il sindaco Luigi de Magistris. I manifestanti si sono poi spostati e hanno iniziato a percorrere via Toledo e le vie del centro della città. Manifestano contro il premier, il referendum costituzionale di dicembre e contro il commissariamento di Bagnoli.

I manifestanti – che aderiscono al movimento "Disoccupati 7 novembre" – hanno affisso uno striscione sulle impalcature di Palazzo Reale. In piazza un altro striscione recita: "Solidarietà per i lavoratori di Carinaro". Tra gli slogan sentiti: "Operai, studenti disoccupati, vinceremo organizzati". Ai disoccupati si sono aggiunti anche gli studenti con uno striscione che invita a votare No al referendum costituzionale e su cui c’e’ scritto
"Il pacco per il Sud. No al referendum. Napoli dice No".

I lavoratori di Carinaro (Caserta), una decina, sono in rappresentanza dei 500 ex lavoratori Indesit passati all’americana Whirlpool sono in cassa integrazione da un anno ed avrebbero dovuto riprendere il lavoro ad ottobre negli stabilimenti di Carinaro e di Napoli. "L’accordo non è stato rispettato e chiediamo al premier Renzi, che definì ‘fantastico’ l’accordo raggiunto per lo stabilimento ex Indesit che fine faremo".