Il welfare all’ordine del giorno del terzo tavolo tematico sull’Area Vasta

0
210

 

Proseguono i tavoli tematici sull’Area Vasta promossi dall’Amministrazione Comunale di Avellino.
Questa mattina presso la sala stampa di Palazzo di Città si è tenuto il terzo incontro sul WELFARE alla presenza dell’Assessore alle Politiche Sociali del Comune di Avellino prof. Marco Cillo, delle referenti del tavolo  dott.ssa Lorena Battista, arch. Simona Filippuzzi e arch. Pina Cerchia e di alcuni sindaci dei Comuni che hanno sottoscritto il protocollo d’intesa per la creazione dell’Area Vasta.


Ad aprire i lavori l’Assessore Cillo che soffermandosi sull’argomento all’ordine del giorno ha evidenziato che “l’intenzione è quella di un welfare integrato in grado di dare risposte non soltanto al contrasto alla povertà ma soprattutto all’inclusione sociale di cui i nostri territori hanno bisogno. La dotazione finanziaria dei fondi POR sul welfare è pari a Euro 301.719.042,00”.
 Nel corso dell’incontro sono stati analizzati i due Assi fondamentali del welfare ovvero l’inclusione sociale e le infrastrutture per il sistema regionale dell’istruzione, i rispettivi Input che il POR Campania indica per ogni Asse e gli Output   ovvero le proposte immaginate per ogni Asse da tutti gli attori in campo.
L’Asse inerente l’inclusione sociale è finalizzato al sostegno delle fasce disagiate e allo sviluppo dei servizi socio-sanitari innovativi, rivolti in particolare all’infanzia (bambini fino ai tre anni) e agli anziani non autosufficienti. L’obiettivo è di ripensare al sistema dei servizi mediante l’incontro creativo e collaborativo fra le risorse presenti all’interno della collettività (vicinato, associazioni locali, organizzazioni pubbliche, ecc.). Promuove, inoltre, l’incremento di alloggi sociali (housing sociale) tesi a combattere l’esclusione sociale, a promuovere la qualità delle costruzioni, a coniugare la sostenibilità sociale ed economica, a far nascere comunità e sviluppare l’integrazione. Per questo Asse l’Input indicato dal POR 2014-2020 è incentrato sul sostegno alle fasce disagiate; sullo sviluppo di servizi socio-sanitari innovativi; sul rafforzamento dei servizi per l’infanzia; sull’integrazione dei servizi socio-sanitari per gli anziani non autosufficienti; sull’incremento degli alloggi sociali e delle forme innovative di residenzialità. Gli Output immaginati per l’Asse dell’inclusione Sociale fanno riferimento ad un Progetto Pilota HOUSING SOCIALE per incrementare gli alloggi sociali e le forme innovative di residenzialità sul territorio dell’Area Vasta, a servizi per l’infanzia (da 0 a tre anni) come per esempio gi asili nido, a case appartamenti per anziani.
L’Asse inerente le infrastrutture per il sistema regionale dell’istruzione promuove la modernizzazione del sistema dell’istruzione a tutti i livelli. Prevede infatti interventi in materia di edilizia ed attrezzature scolastiche, finalizzati al miglioramento della sicurezza e all’ammodernamento degli edifici, per contrastare la vetustà degli impianti e delle strutture e la vulnerabilità sismica. Lo scopo di questo Asse è di evitare la dispersione scolastica, per favorire l’integrazione ed il senso di responsabilità e cura dei beni comuni proprio attraverso la creazione di ambienti vivi di partecipazione, di incontro e di apertura della scuola al territorio. Insomma creare delle scuole più attrattive da invogliare tutti a non abbandonare gli studi. In questo caso l’Input è di rafforzare l’attrattività e la funzionalità degli istituti scolastici al fine di ridurre il tasso di dispersione scolastica e facilitare l’accesso al mercato del lavoro attraverso interventi di riqualificazione degli edifici. L’Output proposto è un progetto rispondente all’Input che prevede la riqualificazione e modernizzazione degli istituti scolastici dell’Area Vasta e finalizzato proprio al rafforzamento dell’attrattività e della funzionalità degli edifici scolastici per cercare di ridurre il tasso di abbandono scolastico e facilitare l’accesso al mercato del lavoro.
Alla luce di quanto emerso dal tavolo, sono state individuate tre tracce di lavoro al fine di raccogliere proposte  e contributi da parte degli Amministratori dei Comuni   dell’Area Vasta rispetto agli Output immaginati per i due Assi sul welfare.
Le tracce di lavoro riguardano:
1) Progetto pilota di Housing Sociale.
2) Servizi innovativi per l’infanzia e gli anziani.
3) Progetto di riqualificazione e modernizzazione degli istituti scolastici dell’Area Vasta.
Le SLIDE di PRESENTAZIONE  proiettate nel corso dell’incontro di questa mattina sono consultabili sul sito istituzionale del Comune di Avellino www.comune.avellino.it .
Le proposte territoriali inerenti ogni singola traccia di lavoro saranno poi elaborate e sviluppate  con l’intento di individuare dei work-packages in cui inserire in maniera omogenea e sistemica i possibili interventi.
L’appuntamento con il quarto tavolo tematico sull’Area Vasta è per il prossimo 29 febbraio, alle ore 10.00, presso la sala consiliare del Comune di Mercogliano dove si focalizzerà l’attenzione sullo Sviluppo Urbano sostenibile.