In attesa dell’Università in città e del risiko di trasferimenti, al Comune tirocini della facoltà di Farmacia di Salerno

E continua la corsa contro il tempo per adeguare il Palazzo comunale alle esigenze universitarie e dislocare gli uffici al De Peruta

0
451

In attesa che si materializzi la sfida di portare l’Università in città, con l’attivazione dei primi corsi di laurea dei Dipartimenti di Salerno di ingegneria, informatica e Farmacia/ Chimica/Biologia, secondo le intenzioni del sindaco Gianluca Festa già dal prossimo settembre, la collaborazione tra il Comune di Avellino e l’Ateneo salernitano si consolida.

Al protocollo d’intesa firmato lo scorso dicembre per fra nascere il Polo universitario dislocato in città, si aggiunge una convenzione siglata dall’Ente comunale e il Dipartimento di Farmacia dell’Università degli Studi di Salerno per Tirocini di Formazione ed orientamento curriculare ed extra curriculare da far partire nell’immediato.
Ciascun tirocinante, chiaramente senza la corresponsione di alcuna indennità, verrà inserito presso le strutture comunali attraverso la predisposizione di un progetto formativo e di orientamento, secondo quanto previsto dalla normativa vigente in materia.
Il Comune, in qualità di Soggetto ospitante, sarà tenuto ad individuare un tutor aziendale tra i propri dipendenti in possesso di competenze professionali adeguate e coerenti con il progetto formativo, con funzioni di affiancamento al tirocinante sul luogo di lavoro che dovrà firmare un Registro all’entrata e all’uscita per attestare la propria presenza.

“L’Amministrazione- si legge nel provvedimento deliberato dal Comune- da anni promuove e rafforza la collaborazione con il mondo universitario, nell’ottica della massima valorizzazione delle risorse rinvenibili sul territorio, offrendo la possibilità di acquisire significative esperienze di formazione professionale funzionali all’iter formativo.  L’attività di tirocinio, pur se limitata nel tempo, permette allo studente di conseguire importanti risultati che vanno dall’acquisizione di una visione più reale del mondo lavorativo alla possibilità di verifica sul campo delle proprie attitudini, dall’acquisizione di capacità tecniche e comportamentali specifiche alla definizione della scelta dei propri ambiti professionali”.

Sullo sfondo continua la corsa contro il tempo per adeguare il Palazzo comunale alle esigenze dell’Università. Come noto il sindaco Festa ha individuato proprio parte dello stabile di Piazza del Popolo come sede universitaria che, chiaramente, entro settembre dovrà essere pronta. Gli uffici comunali si trasferiranno a Palazzo de Peruta che, proprio entro la fine di questo mese, dovranno essere irrevocabilmente lasciati liberi dall’Ufficio del Giudice di Pace. Gli Avvocati andranno a “convivere” proprio con l’Università, avendo Festa individuato l’Ufficio Anagrafe di Piazza del Popolo ( da trasferire conseguenzialmente all’ex Convento San Generoso) come nuova sede del Giudice di Pace. Il Comune in parte ritornerà nella storica sede di Palazzo De Pertura, mentre i restanti uffici amministrativi dovranno essere allocati al Victor Hugo, attualmente oggetto di lavori di restauro.
Un incastro di trasferimenti da compiere entro sette mesi.