In difesa della lingua italiana

0
595

Una rassegna attenta degli errori più comuni che invadono i mezzi di comunicazione. E’ quella che consegna “L’italiano” di Lorenzo Donadio, edito da Controcorrente. Un volume che è una dichiarazione d’amore per la lingua italiana e insieme un appello a salvaguardarla da chi continua a umiliarla, dall’ignoranza e leggerezza che finiscono per lasciare tracce profonda sulla nostra lingua. Di qui la scelta dell’autore di ripercorrere le regole principali della grammatica, specialmente quelle di corretta pronuncia e scrittura, essenziali e necessarie per ridare tono e fondamento alla struttura basilare del discorso.  Dalla teoria si passa, nella seconda parte, all’analisi dei piú comuni errori grammaticali, a partire da una riflessione sulla corretta struttura della lingua contemporanea. Donadio sembra chiedersi fino a che punto è lecito trasformare la lingua per adeguarla alle esigenze della modernità. Al tempo stesso il libro coglie, mostra ed evidenzia le tante carenze delle comuni grammatiche, tra-scurando di ripetere le elementari regole e gli schemi ormai inadeguati. L’obiettivo è quello di correggere le tante storture inferte alla lingua dalla società di oggi con la consapevolezza che la difesa della lingua non può non partire dall’educazione delle nuove generazioni.