In ricordo di Vivetta Valacca

0
1246

Un anno fa, il 4 febbraio 2020, ci lasciava improvvisamente e prematuramente la poetessa ligure Vivetta Valacca. Insegnante di materie letterarie presso il Liceo “Da Vigo” di Rapallo, Vivetta Valacca, con grande passione, associava all’attività di docente l’impegno per la scrittura e per la poesia. Animata da una forte religiosità e dall’amore per l’antichità, Vivetta Valacca riteneva la poesia un atto spirituale, il luogo privilegiato dove incontrare l’io e Dio (l’Altro da sé). Dalle sue opere traspare chiaramente una padronanza assoluta della cultura classica, come testimonia la trilogia Il mare dai mille occhi, Lo specchio del mondo, La danza delle onde. Tali testi, di argomento omerico, appartengono alla poetica del “mito-esistenzialismo”, in quanto la scrittura si esprime attraverso immagini, figure e situazioni emblematiche della condizione umana. Di grande interesse sono poi le opere in versi La luce dell’anima e Parafrasi d’amore, scritte a quattro mani con il poeta-scrittore tedesco di origine rumena Dieter Schlesak. Sia nella prima che nella seconda silloge, centrale è il tema dell’amore, inteso come sentimento puro (trascendentale e metafisico), cantato secondo i canoni della grande tradizione mistica e ascetica, araba o ebraica. Di recente Vivetta Valacca aveva fondato a Rapallo la “Casa della poesia” ed era in procinto di inaugurare un Premio, dedicato anche ai giovani. Una voce originale ed immensa dunque quella di Vivetta Valacca, che ci ha lasciato opere di assoluto valore e di ineffabile profondità.

http://www.vivettavalacca.eu/

 

Poesia tratta dalla raccolta LA LUCE DELL’ANIMA
 Zeit Los brennt dieses Licht hier

 

Dove finisce Io?

Dove incomincia Tu?

È

soltanto NOI dovunque

 

Io e Te insieme

siamo pura luce e gioia

e allora capisci

che siamo polvere di stelle

e soffio di Dio.

Io e Te insieme

e allora tu sei più bello

e ogni ruga ha un senso

E Tu sei il libro

sapienziale e amato.

Ti leggo

e passo il mio dito

su ogni segno del volto

e sfoglio le pagine

del tuo corpo.

Vi leggo

il senso dell’amore

e il mio destino

vi leggo

l’eternità che mi hai dato.

Dio è amore

e solo l’amore dura

eterno

Tu sei la mia identità

e io la tua.