La grande lirica torna a casa Al Teatro Gesualdo si celebrano Le Nozze di Figaro sulle note del Conservatorio “Cimarosa”

0
361

Avellino, venerdì 13 gennaio 2023 – È uno dei capolavori mozartiani per antonomasia. Fiore all’occhiello della trilogia su libretto di Lorenzo Da Ponte, tratto dalla commedia Le Mariage de Figaro di Beaumarchais.

Sabato 14 gennaio, a partire della ore 21, la grande lirica è di casa al Teatro “Carlo Gesualdo” di Avellino con “Le Nozze di Figaro” portate in scena dal Conservatorio di musica “Domenico Cimarosa”.

 

In un nuovo allestimento scenico, la commedia per musica in quattro atti ruota attorno alle vicende del Conte d’Almaviva che, invaghito della cameriera della Contessa, Susanna, cerca di imporle lo ius primae noctis.

 

Sul palco del “Gesualdo” il Coro lirico del “Cimarosa”, diretto dal Maestro Luciano Branno, l’Orchestra del Conservatorio di Avellino impreziosita dalla presenza del Maestro Pierfrancesco Borrelli al cembalo e un cast di giovani talenti vocali che rappresentano la meglio gioventù della Scuola di Canto Lirico del «Cimarosa».

 

Saranno loro a ricoprire gli undici ruoli principali della commedia mozartiana: Paola Pelella (contessa), Andrea Ariano (il Conte d’Almaviva), Maria Alvino (Susanna), Rosario Grauso (Figaro), Flavia Fioretti (Cherubino), Miriam Mucciolo (Marcellina), Francesco Pio Montuori (Basilio), Hui Zhu (Don Curzio), Mattia Angelo Ribba (Bartolo), Francesco Palmieri (Antonio) e Laurapia Panarella (Barbarina).

 

Maestro concertatore e direttore sarà Massimo Testa, mentre la regia sarà a cura di Giuseppe Sollazzo. Le scenografie invece saranno firmate dal Maestro Gennaro Vallifuoco, con la scenotecnica e le luci di Maurizio Iannino. I costumi saranno invece di Luciana Donadio.

 

Le nozze di Figaro non solo rappresentano una delle più famose opere di Mozart e dell’intero teatro musicale internazionale, ma sono anche la prima di una serie di fortunate collaborazioni tra il compositore austriaco e Lorenzo Da Ponte. Questo connubio porterà negli anni alla creazione di altre famosissime opere liriche come il Don Giovanni e Così fan tutte.