La rivoluzione dei garofani in Portogallo

0
341

Nella primavera del 1974, il Portogallo rompe in modo netto con il suo passato e si impone all’attenzione della comunità internazionale: il crollo del regime dittatoriale, iniziato nel 1926, si è consumato in meno di una giornata.
La Rivoluzione dei garofani del 25 aprile ha spezzato il sistema totalitario e ha portato il paese alla democrazia, con l’approvazione della nuova Costituzione nel 1976.
Maria Inácia Rezola, storica nominata dal governo portoghese coordinatrice degli eventi di celebrazione della Rivoluzione, racconta del processo, lungo più di due anni, durante il quale si susseguono tensioni sociali, manifestazioni, mobilitazioni di contrapposte fazioni delle Forças Armadas, cambi di governo.

Ma soprattutto parla di come la popolazione prese coscienza e partecipò alla vita politica nei partiti e nei luoghi di lavoro, in una violenta fase di transizione tra alleanze di militari e classi medie, occupazioni di terre, di fabbriche e di abitazioni, murales e manifesti a espressione di un nuovo linguaggio delle classi lavoratrici.