Lavori al Comune, Iovino: “Presto si sbloccherà l’impasse”

0
1034

“L’antidoto contro la cultura della violenza e’ recuperare un  progetto che è stato avanzato in passato da amministatori del territorio, quello di una Città del Vallo di Lauro, anche perché gli episodi di cronaca nera e la cattiva amministrazione sono un cocktail esplosivo per la nostra realtà”. E’ così che Franco Iovino affronta quelle che definisce le due emergenze per il Vallo di Lauro.” Il rischio cioe’ di una recrudescenza criminale e la cattiva gestione amministrativa. A partire dalla prima, che è strettamente collegata alla seconda:” La condanna agli episodi di violenza e’ totale, in attesa che le autorità facciano luce sulla matrice di questi atti e’ però necessario che ci sia una risposta anche politica. Si potrebbe avere l occasione anche di farne un punto programmatico in vista della prossime amministrative a Lauro, anche se i problemi di questo comune sono diversi e andranno affrontati con attenzione”. E quali sono Iovino lo conosce bene, avendoli sottolineati da tempo: “Sono diversi i problemi. A partire dal cantiere della scuola che è fermo da tempo , alla necessità di strutture per i giovani, penso alla realizzazione di una struttura sportiva, alla necessità di adeguare la strutture del Distretto”. Non solo infrastrutture ma anche iniziative su tasse e commercio :” Bisogna mettere mano alla riduzione delle tasse e dare un sostegno al commercio e all artigianato , che già erano in sofferenza e ora lo sono ancora di più anche a causa delle scelte sbagliate durante la pandemia” . Ci sono anche le prospettive di interventi per cui ci sono risposte positive: “Non ultimo dare una sede istituzionale degna del suo nome al Comune di Lauro . Già come minoranza ci impegnammo ad indicare la strada per accedere ai finanziamenti, che arrivarono, putroppo la sede del Comune rientra un un’area perimetrata come zona rossa. Così anche in questa circostanza abbiamo voluto dare un contributo alla soluzione del problema, attivandoci politicamente per accelerare l’ iter per arrivare alla riperimetrazione della zona rossa e dare via ai lavori, sbloccando i finanziamenti fermi da due anni. Spero che nei prossimi giorni avremo notizie su questa ridefinizione della perimetrazione relativa all’area dove si trova il Palazzo Comunale”.