“Libriamo la città”, in ricordo di Tonino Petrozziello con il vescovo Aiello

0
2190

Una serata dedicata al libraio Tonino Petrozziello con la partecipazione del vescovo Arturo Aiello nell’ambito della rassegna “Libriamo la città”, curata dall’avvocato Rita Cesta. E’ l’appuntamento in programma il 19 febbraio, alle 18, al Polo dei giovani di Avellino. Una rassegna, tutta al femminile, inaugurata dal confronto con la scrittrice Valeria Parrella e proseguita con gli incontri con la storica Grazia Gotti e la docente di scultura Rosaria Iazzetta. Una lezione, quella di Petrozziello, ricordata anche da Grazia Gotti. “Era il 2017 – aveva ricordato Grazia Gotti – quando ho presentato insieme a Tonino nelle scuole il mio libro ’21 donne all’Assemblea’ in occasione del 70° anniversario della Costituzione, omaggio alle 21 donne presenti all’Assemblea Costituente. E’ stata un’esperienza bellissima, ho avuto la possibilità di confrontarmi con giovani di tutte le età. Tanti i ricordi, Tonino aveva una straordinaria umanità fatta di una cura delle relazioni di cui oggi si sente la mancanza. Ti chiamava perchè aveva una nuova idea o un regalo pronto per te. Aveva una generosità che conquistava tutti. Ecco perché giovani e meno giovani tornavano sempre nella sua libreria”.
Era stato lo stesso vescovo Aiello a salutare la rassegna con un omaggio a Petrozziello, sottolineando il coraggio di “uomini semplici, umili e forti che hanno tessuto relazioni, sorriso benevolmente di giovani amori infranti, che hanno creato, forse senza saperlo, trame di comunità oltre la famiglia e la scuola dando vita a velieri galleggianti e a ‘città sottili’ come dice Italo Calvino”.
“Quel libraio che era un re non c’è più – spiegano Consiglia D’Aquino e Assunta D’Amore, tra le organizzatrici della rassegna – ma il suo ricordo, la sua forte carica di umanità sono ancora custoditi nella memoria collettiva. La sfida è stata quella di riportare la lettura al centro della cultura cittadina, partendo dall’eredità lasciata da Tonino Petrozziello. E i risultati fino ad oggi sono molto positivi malgrado il difficile momento che viviamo”
“L’iniziativa nasce dal desiderio di ricordare un uomo capace di trasmettere a generazioni l’amore per la lettura – spiega Rita Cesta – Mai nessuno è uscito dalla sua libreria a mani vuote, che fosse un libro, un consiglio, una suggestione. La figura del libraio è certamente stat
a incarnata a pieno da Tonino. Da qui è nata la voglia, che è anche una necessità, di creare una rassegna di libri che magari si potrebbe immaginare come una puntata zero, come un progetto da costruire ed arricchire di anno in anno”.  A ricordare Tonino Petrozziello sarà Tonino Spagnuolo, amico di una vita, alla guida di Immaginazione