L’Ic Aurigemma di Monteforte punta su sostenibilità e innovazione. Dai bisogni del territorio alle sfide dell’Europa

Tra gli obiettivi un moderno polo per l'infanzia e un nuovo plesso ad Alvanella per la secondaria

0
275

E’ nella capacità di guardare ai bisogni del territorio senza perdere di vista l’Europa la cifra distintiva dell’offerta formativa dell’Ic Aurigemma di Monteforte, guidato dalla dirigente Filomena Colella.  Un’offerta che potrebbe presto ampliarsi con l’inaugurazione di un moderno polo dell’infanzia contraddistinto da un indirizzo montessoriano e un nuovo plesso ad Alvanella per la secondaria di primo grado. Il percorso formativo sarà illustrato nel corso dei tre open day in programma nel mese di gennaio. Si comincia il 13 gennaio con l’Open Day dedicato all’infanzia Don Bosco e Agazzi, si prosegue il 19 gennaio con la secondaria di primo grado, il 20 gennaio protagoniste la primaria Don Milani e la Montessori. Grazie a una dirigenza stabile, l’Ic Aurigemma rappresenta una solida realtà, garanzia di continuità e attenzione nella gestione degli aspetti didattici e organizzativi.

Un impegno nel segno di inclusione ed ecostenibilità, evidente nella scelta di installare centraline per monitorare la qualità dell’aria in sinergia con l’associazione Terra Madre e nella promozione di iniziative per educare al rispetto dell’ambiente. A ribadire le priorità dell’istituto anche il logo realizzato da Francesca Maria Pagliaro, laureanda in “Design per la comunità” presso l’Università Federico II di Napoli, ex studentessa dell’istituto scolastico irpino con sette pittogrammi, simbolo di formazione, affettività, serenità, legalità, accoglienza e inclusione. E’ la dirigente Colella a porre l’accento sulla sfida dell’istituto di aprirsi a innovazioni tecnologiche e sperimentazioni. “Una conferma – spiega Colella – arriva dall’adesione alla sperimentazione musicale Trinity che ha consentito alla scuola, unica in Campania, di ottenere a Cremona un prestigioso riconoscimento e da progettualità come Etwinning e Erasmus Plus che consentono di confrontarsi con scuole di tutta Europa. Tante anche le iniziative rivolte all’educazione alla legalità, come l’incontro con il testimone della strage di Capaci Giuseppe Costanza o con il maresciallo dei Carabinieri Francesca Bocchino in occasione della Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne. Abbiamo sempre cercato di favorire la crescita armonica degli allievi. Lo testimoniano progettualità come i laboratori di robotica, informatica e teatro, l’orchestra e il coro dell’Ic Aurigemma, il giornalino d’istituto ‘Senti chi parla adesso’, più volte premiato in concorsi nazionali. Siamo, inoltre, orgogliosi di essere l’unico istituto comprensivo in Irpinia ad avere una sezione ospedaliera di primaria e secondaria, per garantire la piena inclusione di tutti gli studenti”.