Lioni, domani l’ultimo saluto a Mario Salzarulo

0
344

Domani pomeriggio l’ultimo saluto a Mario Salzarulo, 67 anni, deceduto  dopo un terribile incidente stradale, sull’Ofantina, tra Nusco e Montella. Troppo gravi le ferite riportate nello scontro frontale. Ferito anche il conducente dell’altra vettura, che non corre pericolo di vita. Il corpo di Mario Salzarulo è tornato nella disponibilità della famiglia, dopo l’esame autoptico e i rilievi necessari per il completamento delle indagini. I funerali si svolgeranno alle 15 di domani presso la Chiesa Madre di Lioni. La sua morte ha suscitato un coro di umana solidarietà non solo nell’ambito dei confini provinciali: l’impegno per lo sviluppo del territorio lo aveva portato ad essere al centro dell’attenzione sociale e istituzionale, nel corso degli anni, anche per i diversi incarichi che ha ricoperto. Molti i riconoscimenti a lui tributati in questi giorno di cordoglio e di ricordo. Il sindaco di Lioni, Yuri Gioino, ricorda la sua collaborazione con il Comune. Soprattutto con l’Agenzia forestale per la tutela del territorio montano. Proprio grazie all’impegno di Mario Salzarulo il Comune di Lioni, capofila del progetto, ha ottenuto un finanziamento di 10 milioni di euro. Ma è stato anche punto di riferimento dei 25 Comuni della Città dell’Alta Irpinia. A Mario Salzarulo, infatti, come ricorda l’assessore lionese Rocco D’Andrea, era arrivata la nomina a coordinatore della Città dell’Alta Irpinia.
La comunità di Lioni è in lutto e si è stretta intorno alla famiglia, alla moglie, al figlio, al fratello, l’ex sindaco di Lioni Rodolfo, che, al Corriere, ha ricordato che sempre sull’Ofantina entrambi avevano perso la sorella, di soli 33 anni, proprio ad un chilometro di distanza dal punto in cui anche Mario ha terminato la sua corsa su questa terra.