“L’Irpinia e la stagione dell’Ulivo”, Limone: “Guardiamo al passato per costruire un futuro migliore per la politica irpina”

Il presidente dell'associazione Fausto Addesa, promotrice di questo incontro che si è svolto presso il Circolo della Stampa di Avellino, ha ricordato quanto di buono è stato fatto, in quegli anni, in Irpinia

0
381

Non abbiamo nostalgia del passato e guardiamo quanto di buon c’è stato in passato per guardare avanti“.

Si apre con queste parole di Antonio Limone la conferenza sull’ “Irpinia e la stagione dell’Ulivo”. Il presidente dell’associazione Fausto Addesa, promotrice di questo incontro che si è svolto presso il Circolo della Stampa di Avellino, ha ricordato quanto di buono è stato fatto, in quegli anni, in Irpinia:

Abbiamo la necessità di ricordare quanto di buon c’è stato in provincia di Avellino, quando divenne sindaco Di Nunno, presidente della Provincia Anzalone, che inaugurarono una stagione virtuosaQuelle coalizioni politiche costruirono momenti di buon governo, che poi sono stati frenati, fortemente. La politica ha un suo filo che si intrecciano con le esigenze dell’associazione perché Fausto Addesa fu uno dei protagonisti“.

Un progetto, quello dell’Ulivo, che grazie a Romano Prodi intercettò una fetta di consenso che si ritrovò in quella dimensione politica:

“Quando Romano Prodi mise insieme le forze progressiste nel tentativo di mettere su un progetto politico che serviva al Paese, l’operazione riuscì perché in qualche misura intercettò consenso”.

Al dibattito, moderato da Gaetano Amato, hanno preso parte anche Amalio Santoro, Raffaele Aurisicchio e Nunzio Cignarella.