Lo sfogo di Taccone: “Basta illazione su di me. Se volete che vado via…”

0
722

Nel corso di Diretta Stadio e Studio in onda su Prima Tivvù è intervenuto il presidente Walter Taccone: “Il tifoso che ha telefonato dicendo che io cerco soci ovunque e facendomi passare per un accattone si deve vergognare. L’Avellino se vuole avere maggiori aspirazioni ha bisogno di un aiuto economico. Ho solamente detto questo. Stessero sereni e tranquilli, potenzieremo ancora la squadra e non raccontiamo bugie. Cercheremo di rinforzare la rosa ulteriormente. La società compra i giocatori dopo che i due direttori e il mister danno l’ok. Smettiamola di fare pettegolezzi e di dire sciocchezze. Dobbiamo remare tutti nello stesso verso, lo dirò sempre”. Sul caso Cabezas: “Ho detto subito che non era sotto contratto con l’Avellino. E’ voluto venire qui per conoscere ambiente e tifosi. Non abbiamo ancora abbandonato la strada Cabezas. Ho avviato i contatti personalmente con l’ambasciata dell’Ecuador. Se non dovesse concretizzarsi, dico che abbiamo già l’alternativa pronta”. E ancora su Cabezas: “E’ una falsità che sia già dell’Independiente. Lui è venuto ad Avellino senza essere costretto. Non capisco certe illazioni. Qui non si aspetta altro che parlare male della società. Ma estendo l’invito, trovatemi qualcuno che mi sostituisca. Volete scendere in quarta serie? Non voglio che l’Avellino faccia brutta fine. Fateci lavorare in santa pace”. Sulla vittoria contro il Brescia: “Oggi abbiamo giocato senza Di Tacchio, il faro del nostro centrocampo. De Risio ha giocato molto bene. Il campo è il giusto giudice. Vincere a Brescia non era affatto semplice. Se siamo riusciti a superare questo scoglio io non posso che essere fiducioso. Diamo un aiuto a questi ragazzi che hanno disputato un ottimo secondo tempo”.