Ma la Provincia esiste o no?

0
1295

Seduto su un muretto posto intorno alla vasca della mostruosa (a me pare) Piazza della Libertà guardo il palazzo Caracciolo, monumento storico della città e oggi sede della Provincia, e mi chiedo, non senza curiosità, quale funzione ha questo ente intermedio che sebbene sia stato “cancellato” per legge, continua ad esistere. Non solo. Mi domando anche perchè in queste settimane ci sia una folle corsa per occuparne la presidenza, visto che il mandato dell’attuale gestore è giunto a scadenza. Già. Domenico Biancardi, presidente uscente, è un personaggio gioviale e sorridente. Ha un garbo non comune e suscita grande simpatia. Un solo appunto: è un vero maestro del vituperato clientelismo spicciolo. In sella a Palazzo Caracciolo è riuscito a dimostrare, al contrario di quello che pensa l’ex ministro Del Rio, che l’Ente Provincia non è affatto inutile come livello intermedio, ma risponde a logiche di grande fantasia in tema di sviluppo. Suscettibile in particolare agli interessi territoriali della Bassa Irpinia (Mandamento del Baianese e Vallo di Lauro) ha portato a compimento alcune operazioni per la “tutela” di quelle comunità. Tra le tante la nomina del presidente di Irpiniambiente, Russo, con studio legale a Nola, e la sua successione a sindaco di Avella con l’elezione del fratello Vincenzo. E’ dalla sua mente che è nata l’idea del “Sistema Irpinia” per lo sviluppo del turismo in provincia. Vi ha sistemato un po’ di amici e, ben manovrato da vecchie volpi della politica provinciale che fanno parte del Consiglio, riesce ad accontentare tutti. Lavora in penombra non essendo la Provincia (che ha un bilancio con sei milioni in attivo) nell’occhio del ciclone come il Comune capoluogo squattrinato e che attraversa una fase di degrado come mai era accaduto. Tuttavia la Provincia di Biancardi, tra tanto attivismo, ha dimenticato di progettare il vero sviluppo non fantasioso dell’Irpinia. Il Pnrr non abita nel palazzo Caracciolo. Parole e propositi tanti, ma di fatti, per ora, nessuno.

di Gianni Festa