Malviventi da Foggia pronti a colpire in Irpinia, fermati

0
906

Possesso ingiustificato di chiavi alterate o grimaldelli”: è l’accusa di cui dovranno rispondere un 20enne e un 60enne della provincia di Foggia, fermati dai Carabinieri della Stazione di Ariano Irpino.

Prosegue la lotta alla criminalità predatoria, condotta dal Comando Provinciale Carabinieri di Avellino e che ogni giorno vede impiegati i militari dell’Arma soprattutto durante le ore notturne ed in quelle aree particolarmente colpite dal fenomeno, sia per prevenire i reati che per intervenire con tempestività ed efficacia quando necessario.

I due soggetti, apparentemente intenti alla raccolta di materiale ferroso, sono stati bloccati dai Carabinieri nella città del Tricolle.

L’anomalo atteggiamento manifestato dagli stessi ha indotto i militari ad approfondire l’accertamento e, all’esito di perquisizione, sono state rinvenute chiavi ed arnesi atti allo scasso: opportunamente interpellati, i due soggetti non sono stati in grado di fornire un valido motivo che ne giustificasse il porto.

Attesa l’illiceità della condotta posta in essere e l’ingiustificata presenza in quel Comune, oltre alla denuncia in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Benevento, per i predetti è scattata la proposta per l’emissione della misura di prevenzione del Foglio di Via Obbligatorio e la sanzione amministrativa per aver violato le prescrizioni di carattere sanitario relative all’emergenza pandemica in atto.

Sia il veicolo che gli attrezzi da scasso sono stati sottoposti a sequestro.