Montoro Democratica: “Edilizia scolastica, a Torchiati e San Pietro si perde tempo. Altre verifiche pleonastiche”

0
557

Nell’ultima seduta del Consiglio comunale la maggioranza ha approvato un riparto dei fondi residui della 219, destinando il 40% ad ulteriori verifiche sulle strutture scolastiche, con riferimento più specifico ai plessi delle primarie di Torchiati e della materna di Caliano. Trattasi di un importo di circa 70.000€ che sarebbe stato sufficiente per completare l’ntervento di sistemazione della scuola materna di S. Pietro, loc. Cesine. Per Montoro Democratica tali azioni sono semplicemente dilatorie e pleonastiche alla luce degli atti precedentemente posti in essere e delle perizie di verifiche realizzate. Sui menzionati plessi erano state fatte indagini diagnostiche e verifiche analitiche. Oltre a quelle sui solai erano state altresì effettuate ulteriori saggi di natura più invasiva. Le dette indagini ed i provini analizzati restituivano il seguente esito: “PROPRIETÀ DEI MATERIALI DI COSTRUZIONE (cls) VARI E SCADENTI, per la scuola primaria di Torchiati e per la scuola dell infanzia di Caliano”. Queste conclusioni sono state condivise dall’Ufficio. Per una eventuale ulteriore verifica, detti esami diagnostici non potevano che essere finalizzati all’intervento a farsi. Peraltro, anche solamente questa carenza, evidenziata dai provini di laboratorio impedirebbe l’apertura dei plessi alla fruibilità. Montoro Democratica ritiene che per il plesso di Torchiati non si debba perdere altro tempo prezioso e che bisogna procedere a realizzare i necessari lavori per ridare la scuola agibile e fruibile alla comunità scolastica frazionale. Spendere altri soldi per verifiche non ben finalizzate peraltro non porta vantaggi alla Comunità e non tiene conto dei problemi esistenti. Il gruppo consiliare di Montoro Democratica aveva chiesto di destinare queste somme alla ristrutturazione della scuola materna di località Cesine a S.Pietro. Purtroppo si è sprecata un’altra opportunità. Con i soldi disponibili e spendibili si abbandona il plesso di S.Pietro e si vanno a fare altre indagini, immaginando di aprire scuole “con accertato materiale vario e scadente”. Cosa impossibile. Noi continueremo ad assolvere il nostro ruolo con determinazione, ritenendo prioritari gli interventi sull’edilizia scolastica soprattutto in alcune frazioni di Montoro Nord.