Montoro, scoperto deposito abusivo di indumenti contraffatti e chiuso negozio

0
582

 

A seguito di alcuni episodi delittuosi verificatisi di recente nei territori del Montorese (AV), i carabinieri della Compagnia di Baiano, su disposizione del Comando Provinciale di Avellino, in quella specifica zona hanno attuato una serie di servizi rinforzati a largo raggio, al fine di ottenere una maggiore azione di contrasto nei confronti dei fenomeni delinquenziali in genere nonché garantire un controllo più capillare del territorio.


In particolare, è stato attuato un dispositivo di mezzi e uomini che ha visto la partecipazioni dei diversi reparti della Compagnia e di equipaggi di militari inviati a supporto dal Comando Provinciale di Avellino, mediante il quale si è proceduto ad effettuare numerosi posti di controllo alla circolazione stradale, diverse perquisizioni domiciliari, veicolari e personali, soprattutto nei confronti di alcuni pregiudicati del posto e provenienti dai paesi limitrofi.

Nel dettaglio, sono stati conseguiti i seguenti risultati, sia in chiave preventiva che repressiva, riguardanti diverse fattispecie criminali locali:

– è stato scoperto un deposito abusivo nel quale sono stati rinvenuti centinaia di capi vestiari con marchi contraffatti, utilizzati per alimentare una rete commerciale illegale che si estendeva tra Napoli e Montoro. A seguito di quanto scoperto, veniva deferito in stato di libertà alla compatente Autorità Giudiziaria un 40enne del posto proprietario della abitazione, ove era ubicato il citato deposito.

– veniva deferito in stato di libertà un pregiudicato proveniente dall’hinterland salernitano in quanto, nonostante sottoposto al provvedimento di divieto di ritorno nel comune di Montoro, veniva fermato da una pattuglia di carabinieri alla guida di un’autovettura, privo della patente di guida, mai conseguita e con il veicolo scoperto di assicurazione;

– venivano denunciate 4 persone per reati inerenti la normativa edilizia e per violazioni riguardanti la sicurezza luoghi di lavoro;

– si procedeva unitamente a personale A.S.L. di Avellino alla chiusura di un locale commerciale (un circolo), per gravi carenze in materia igienico-sanitarie.

Stesso contesto venivano:

– controllate circa 200 persone e 150 autovetture;

– effettuate in totale 25 perquisizioni, tra personali, veicolari e domiciliari.