Moscati, ancora un caso sospetto per un medico

0
1154

AVELLINO- Un altro medico anestesista in servizio al 118 di Avellino, l’ex responsabile della Centrale Operativa e’ stato ricoverato con una polmonite interstiziale ed una sospetta infezione da Covid nella notte tra sabato e domenica. E’ quanto avvenuto per il professionista, che già nei giorni scorsi a seguito dei primi casi di contagio si era sottoposto ai tamponi, risultati negativi. E che ieri sera però ha accusato sintomi sospetti, per cui è scattato il ricovero e il nuovo tampone. Il cui esito è atteslnSolo pochi giorni fa un  altro medico in servizio al Pronto Soccorso  tra i contagi accertati dai laboratori di Virologia del Moscati. Si tratta di una dottoressa residente a Mercogliano, che era risultata positiva qualche giorno fa al Covid 19. Un bilancio pesantissimo quello che paga la Centrale operativa avellinese. In tre settimane sono undici i contagiati, due  dei quali sono medici, gli altri invece autisti e infermieri dell’assistenza e urgenza. Non si tratta dell’unico medico contagiato nelle ultime ore, perché nella lista dei professionisti risultati positivi si aggiunge anche un altro medico risultato positivo al virus nelle ultime  sedute di dati processati.  La lista dei medici, infermieri e oss contagiati e’ ormai aggiornata quasi quotidianamente. operatore del 118 di Avellino, ormai decimato dall’infezione coronavirus e di un’infermiera in servizio in uno dei reparti in prima linea nella gestione dei pazienti Covid-19. Casi che si sommano a quello di un’altra operatrice di una struttura privata che assiste gli anziani che è risultata positiva al Covid. Solo qualche settimana fa un altro medico, l’anestesista rianimatore Domenico Abbenante, anche lui in servizio al 118. Si tratta del primo contagio di Monteforte Irpino. Uno stimato professinista che ora è in isolamento dopo che per lui il tampone è risultato positivo. Il secondo medico risulato positivo ed in servizio al Moscati. E prima era toccato anche al quarto caso di contagio nel capoluogo, che si aggiunge ai due autisti del 118 e ad un professinista che è risulato positivo al tampone era quello di un operatore del 118, che conferma quanto sia critica la situazione per il personale in prima linea nell’emergenza.