“Napoli svelata”, sacralità ed esotersimo

0
444

Il 25 marzo la mostra al Complesso di Santa Maria La Nova

 

Sabato 25 marzo, nel Complesso di Santa Maria La Nova, si presenta “Napoli Svelata”, percorso fotografico di Mario Zifarelli dedicato a sacralità ed esoterismo. Tre le direzioni in cui si dipanerà l’evento: l’inaugurazione della mostra (60 immagini di cui 38 inedite), la presentazione del volume che raccoglie le fotografie (accompagnato da un testo di Sigfrido Hobel e una nota del compianto Gerardo Marotta), un forum di esperti che si confronteranno sui vari aspetti e risvolti della città “velata”.
All’incontro-dibattito parteciperanno tra gli altri lo stesso Hobel (in qualità di esperto di ermetismo ed esoterismo), Massimo Della Valle (direttore dell’Osservatorio astronomico di Capodimonte), Fabio Donato (fotografo e docente dell’Accademia delle Belle Arti), Giuseppina Sorrentino (curatrice della mostra). Con loro anche Maria D’Elia, Antonio Cassino, Armando del Giudice, Mario Coppeto. Modera e coordina il giornalista e saggista Antonio Emanuele Piedimonte (autore di diversi libri sulla Napoli segreta).
La mostra sarà visitabile tutti i giorni – dalle 9,30 alle 19 con ingresso gratuito – fino al 19 aprile.
“Ho impiegato circa due anni – spiega Mario Zifarelli – a mettere insieme questi sessanta scatti che indagano le diverse anime di Napoli e i tanti culti esoterici celati dietro i simboli presenti nelle architetture dei palazzi, delle chiese: dal mausoleo a Posillipo al diavolo di Mergellina, dal sangue di Santa Patrizia alla statua di Giordano Bruno”. Gli fa eco la curatrice Giuseppina Sorrentino: “L’arte al Sud è espressione dell’uomo che riesce a mostrare l’irrazionale, il mistico, l’esoterico.  Ci crede, lo sente, entra nella superstizione e ne esce con opere d’arte. In questi scatti io ho visto proprio questo: la devozione verso uno spirito magico”.