Nella Giornata internazionale contro la violenza sulle donne “facciamo rumore”, un corteo e un dibattito in città promosso dalle associazioni

Il Bucaneve: non è più possibile contare le vittime

0
359

E’ un invito a fare rumore nella Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne quello che lanciano le associazioni Asd moto e Il Bucaneve. Il 25 novembre, alle 10, il corteo partirà da Piazza Libertà, sotto la Provincia di Avellino. “Non è più tempo di stare a guardare – si legge nella nota delle associazioni – La violenza quella silenziosa fa rumore e miete vite, spezza sogni e porta sofferenza, incredulità, sgomento, paura e orrore. Siamo in guerra con armi bianche e una cultura soporifera che blocca l’evoluzione. L’involuzione genera chiusure mentali, la situazione è fuori controllo. Persiste una cultura svalutativa in quanto essere Donna, bambini e anziani, esseri considerati deboli e oggetti di vessazioni. Siamo in cammino verso un cambiamento, un punto fermo, una presa di coscienza che il problema ci riguarda e come. Inutile negarlo, siamo lontani da qualsiasi retorica e abbiamo un solo obiettivo: fare qualcosa. Non è più tollerabile. Non è più possibile contare le vittime, la lista rossa fa paura e impone rumore per ogni vita spezzata”

Alle 17.00, la riflessione si sposterà a Villa Amendola con l’amministrazionale comunale di Avellino. Interverranno Laura Nargi, Annalisa Soddu, Dora Virtuoso, Dora Farina, Gaetana Aufiero, Ines Urciuoli, Pasquale Luca Nacca e tutta l’Associazione “Il Bucaneve”.