Non si fermano le truffe online, ecco la nuova modalità di inganno

0
1554

AVELLINO- Un vero e prorio furto ai più fragili. Non ci sono truffe più gravi o meno, soprattutto per i danni che producono alle vittime. Sicuramente però ci sono azioni ancora più deprecabili delle altre, in particolar modo quando colpiscono enti o associazioni che si occupano della solidarieta’ e di persone fragili e speciali. Ed una di queste  è sicuramente il caso denunciato nella mattinata di ieri dai responsabili di un’associazione che si occupa della cura e dell’assistenza ai ragazzi autistici  alla stazione dai Carabinieri di Avellino. Una ” denuncia contro ignoti ” per il  furto tecnologico eseguito da hacker informatici che hanno svuotato il conto corrente  della ETS Pianeta Autismo che cura ragazzi e famiglie fragili, un bottino di circa 25mila euro, quello che sarebbe stato necessario al pagamento degli stipendi per gli otto operatori della struttura e per i volontari. Un furto di solidarietà vero e proprio, che amareggia ancora di più, visto che ha come vittime proprio operatori e volontari che ogni giorno si occupano di queste persone speciali. La somma sarebbe stata già trasferita attraverso un’operazione bancaria all’estero. Un’azione da professionisti, senza scrupoli ci sarebbe da aggiungere anche senza scrupoli. Le indagini da parte dei militari agli ordini del capitano Francesco Niccolò Pirronti. Come è stato possibile che sia avvenuto un furto di queste dimensioni? A quanto pare una tecnica che  è sempre più usata e di  “moda” da parte di questi  hacker, quella cioe’ di sconnettere la linea telefonica del correntista in modo che gli stessi truffatori possano agire senza il pericolo che le vittime vengano avvisate dai messaggi sms di alert che normalmente vengono inviati dagli istituti. Molto probabilmente è quella utilizzata anche in questo caso. Le indagini da parte dei Carabinieri della Stazione di Avellino saranno concentrate proprio su questo fronte, individuare cioe’ dove sono finiti i soldi trasferiti verosimilmente in un conto estero. Sulla vicenda già nelle prossime ore ci sarà un’informativa dei Carabinieri alla Sezione Criminalità Economica della Procura della Repubblica di Avellino.