Novellino: “Che peccato, potevamo vincere”

0
774

Non contento per la sconfitta maturata allo Zaccheria contro il Foggia, mister Walter Novellino commenta così la partita: “L’espulsione ha cambiato la gara ma potevamo chiuderla in precedenza. Non posso rimproverare nulla ai miei. Nel secondo tempo ho cambiato gli esterni ma abbiamo sofferto l’inferiorità numerica. C’era espulsione su Tonucci, ha fatto ciò che voleva. D’Angelo deve fare più attenzione, è il nostro capitano e non deve lasciarci soli. Assenze? Non abbiamo rimpianto nessuno giocando bene. Vajushi mi ha dato ampiezza anche se non è al top ed è qui da soli due giorni. Andiamo via da Foggia con un po’ di amarezza e mi dispiace perchè bastava poco per vincere oggi”. Su Asencio: “Ha dato il massimo giocando un’ottima partita. Mi dispiace non aver potuto cambiare nulla perchè in panchina non c’erano alternative offensive. Morero? Direi bene. Ci darà una grande mano”. Novellino prosegue nella sua analisi: “Marchizza, Ngawa si trovano meglio centrali. Rizzato ancora non è pronto. Ci sono delle difficoltà ma abbiamo subito dei gol evitabili. Sul primo va presa la palla senza pensare al fuorigioco. Loro hanno avuto possesso palla ma non ho visto un grande Foggia. Nella ripresa volevo che si marcassero bene gli esterni che ci hanno messo in difficoltà. Il calcio è questo, ci servirà da lezione. In parità numerica sarebbe stato sicuramente diverso”. Infine su Moretti: “Tutti devono dimostrare a fatti e non a parole. Il suo ingresso mi dava più soluzioni. La mia espulsione? Sono solo uscito dall’area tecnica”.

A Radio Punto Nuovo il tecnico ha poi aggiunto: “Abbiamo fatto noi la partita nel primo tempo poi nella ripresa alcune decisioni arbitrali ci hanno penalizzato. Migliorini si è perso l’uomo sul gol, doveva solo seguirlo, cose che capitano. Ci è mancata un po’ di fortuna ma non posso rimproverare nulla ai ragazzi, devo solo ringraziarli e mi dispiace molto per questa sconfitta. Anche la mia espulsione non l’ho capita, eravamo a gioco fermo e stavo facendo un cambio”.