Novellino: “Da valutare alcuni giocatori, ma voglio continuità”

0
440

Giornata di vigilia in casa Avellino: domani arriva il Bari e come di consueto Novellino incontra gli organi di informazione dopo la seduta di rifinitura. “Domani affrontiamo un avversario molto forte ma noi dobbiamo proseguire il nostro percorso verso la salvezza – ha detto -. Dobbiamo valutare le condizioni di alcuni calciatori, su tutti Morero e Moretti che sono un po’ acciaccati. Domani mattina scioglierò la riserva. Bisogna ripartire dalla trasferta di Empoli che ci ha ridato entusiasmo e fiducia nei nostri mezzi. Non mi sono mai lamentato perché vedo quotidianamente come lavorano questi ragazzi, il mio unico rammarico è non avere avuto sempre a disposizione l’intero gruppo” ribadisce ancora una volta il tecnico.

Si ritorna sulla stanchezza del turno infrasettimanale, che non ha riguardato il Bari: “Siamo un po’ stanchi, sia fisicamente sia mentalmente, siamo rientrati da Empoli alle sei del mattino, il viaggio è stato difficile per la neve. Ma sappiamo anche che il mese di marzo può essere determinante per il nostro cammino, dobbiamo tirare fuori il massimo. Abbiamo corretto alcuni errori e lavorato sui punti di forza. Stiamo migliorando nella fase difensiva, in fase di ripartenza siamo bravi, domani potrei riproporre buona parte della formazione. Domani vedremo anche come sta Gavazzi, Castaldo sta mancando alla squadra, è un trascinatore, uno che ha sempre fatto gol, ma Asencio si sta confermando su buoni livelli. Ardemagni ha attraversato alcuni problemi in questa stagione ma chi va in campo dà sempre il massimo e così sarà anche domani”.

Novellino non vuole pensare al derby per ora: “Adesso pensiamo al Bari, non mi interessa della loro formazione, io guardo alla mia squadra, in genere chi rincorre ha maggiori motivazioni. Sappiamo qual è il nostro obiettivo e dobbiamo raggiungerlo il prima possibile. Il poco pubblico? Mi spiace siano stati venduti così pochi biglietti, i nostri tifosi sono sempre stati determinanti, anche a Empoli è stato così. Speriamo di trascinarli e riportarli allo stadio con i nostri risultati”.

Si parla del possibile modulo: “Il 3-5-2 è un modulo importante ma ha bisogno di alcuni equilibri, Bidaoui è un giocatore importante ma con questo modulo bisogna valutare bene il suo impiego. Mi spiace manchi Castaldo, poteva essere la sua partita ma quando subisci un infortunio di questo tipo bisogna andare cauti. Ma ora iniziano le vere finali e non possiamo permetterci di rischiare giocatori non al top, chi si allena bene deve dimostrare poi in campo di poterci stare. Nessuno ci ha mai messi sotto finora, forse abbiamo solo sbagliato il primo tempo di Venezia. Morosini? Secondo me per recuperare dal suo infortunio non ci vogliono cinque mesi ma otto, l’ho provato sulla mia pelle. Devo valutare personalmente le sue condizioni, certo se tornasse a disposizione sarei l’uomo più felice del mondo. Ora pensiamo a fare risultato, questo è un grande gruppo e quando sono tornati i risultati abbiamo messo a tacere anche le chiacchiere”.