Omaggio a Goffredo Napoletano, avrebbe compiuto 81 anni

0
764

Avrebbe compiuto oggi 81 anni Goffredo Napoletano, anima del centro storico, figura poliedrica di instancabile docente, poeta, filosofo, educatore raffinato e appassionato, scomparso nel gennaio dello scorso anno. Si era diplomato presso il Liceo scientifico di Avellino, aveva frequentato e si era laureato alla facoltà di Scienze Politiche dell’Università degli Studi di Napoli, allievo di Leopoldo Cassese e Vittorio De Caprariis, per po diventare docente di storia e filosofia. “Un maître à penser e cuore di un Mezzogiorno coraggioso e irriverente, colto e popolare – come scriveva Raffaele La Sala – Fuori dal coro, sempre, Goffredo era innamorato delle sue città che amò con bruciante passione: la prima Atripalda che rappresentò carnale e plebea in una pièce teatrale, Abbonamento sospeso e, l’altra l’Avellino antica che si andava malinconicamente spegnendo e oggi evoca, con i suoi irreali silenzi, l’atmosfera allucinata de L’Inquisitore dell’interno 16 di Dante Troisi”.

Lo ricordiamo con uno dei suoi componimenti poetici:

“Quando per tutti, arriverà/ quel giorno/un silenzio/astrale/ traffigerà /le nuvole/con battiti/d’ali/slarganti/muti/orizzonti/Precipiteremo/nel buio/più assoluto/senza la luce/dei sensi/ e della ratio/Uno stordimento cosmico/infila/uomini e cose/ in labirinti/ tutti/senza il filo di lana rossa/di Arianna/che indichi/la salvifica uscita”.