Pasqua e Pasquetta sicura ad Avellino e provincia: il piano della Prefettura

Sicurezza controlli su chiese santuari e processioni. Posti di blocco e controllo intensificati

0
369

Avellino, allerta terrorismo: Pasqua blindata e stretta su alcol e movida. Sono attivi i dispositivi interforze di sicurezza, pianificati per le Festività pasquali sul territorio della provincia di Avellino, nel corso della riunione del Comitato Provinciale di Ordine e Sicurezza Pubblica, presieduta dal Prefetto Paola Spena, presenti il Questore, Pasquale Picone, il Comandante provinciale dei Carabinieri, Colonnello Domenico Albanese, il rappresentante del Comando provinciale della Gdf, Tenente Colonnello Alessio Iannone, e con la partecipazione del Comandante Provinciale dei Vigili del Fuoco,Mario Bellizzi, del Direttore del Cot. 118, dott.ssa Rosaria Bruno, nonché dei referenti della Polizia di specialità, e dei rappresentanti del Comune Capoluogo e del delegato Anci.

Nel quadro delle direttive del Ministro dell’Interno, anche in chiave antiterrorismo, sono stati potenziati i servizi di vigilanza, in forma dedicata e dinamica, sugli obiettivi sensibili, con particolare attenzione ai Santuari ed alle Chiese, che attraggono un maggior numero di fedeli, specie in occasione delle celebrazioni religiose della Settimana Santa.

Per i luoghi di aggregazione, specie giovanile, e le mete turistiche, che richiamano in Irpinia, soprattutto nella giornata di Pasquetta, numerosi visitatori, le misure di controllo sono orientate a garantire sia la sicurezza delle persone che del patrimonio boschivo, con riguardo al rischio incendio. A questo fine sono stati, altresì, sensibilizzati il nucleo dei Carabinieri forestali ed i Vigili del Fuoco per un monitoraggio ampio sui percorsi e sulle aree picnic.

In previsione di un elevato flusso di traffico su tutte le arterie stradali della provincia, sono intensificati i servizi di controllo da parte delle Forze dell’Ordine e, in ambito autostradale, della Polizia di specialità, per verificare il rispetto delle norme di sicurezza da parte degli automobilisti, con l’obiettivo di prevenire e contrastare quei comportamenti pericolosi che rappresentano alcune tra le principali cause di incidentalità, quali l’alta velocità, l’uso dello smartphone, la guida in stato di alterazione provocata da alcool o droga, oltre che per consentire un rapido intervento per ogni emergenza o situazione di criticità.

 

Per favorire la migliore viabilità l’Anas e Autostrade hanno assicurato la rimozione dei cantieri mobili, mentre per quelli permanenti, come nel caso della Galleria Monte Pergola, è stato comunque garantito il massimo impegno ed attenzione.

Sono state, altresì, sensibilizzate, per il Capoluogo e per i comuni della provincia, attraverso l’Anci, le Polizie locali affinché concorrano al dispositivo, garantendo, pur nei limiti delle risorse disponibili il controllo, in ambito urbano, della viabilità e la rilevazione degli incidenti stradali.

Nelle zone della movida del Capoluogo, infine, sono stati disposti mirati servizi di controllo, anche per il contrasto della vendita di alcolici ai minori, e richiesto al Comune un contributo anche nelle ore più tarde, oltre all’adozione di misure di controllo e/o limitazione del traffico nelle serate del fine settimana.

Resta ferma, in ogni caso, la cornice di sicurezza in ottica di prevenzione dei reati predatori, in particolare nelle zone più a rischio.

Il Prefetto, a conclusione della riunione, ha ringraziato tutte le componenti del comparto sicurezza, della sanità e degli Enti Locali, e attraverso i Vertici il relativo personale, per il costante sforzo profuso e l’impegno che sono chiamati a mettere in campo nei giorni di festa a servizio della comunità.