Pensavo fosse un comico, invece era Troisi. Borrelli: vi racconto Massimo

0
208
Sarà presentato il 27 maggio, alle 16.30, al Circolo della stampa di Avellino il volume di Ciro Borrelli “Pensavo fosse un comico, invece era Troisi”. A confrontarsi con l’autore Maria Ronca, Bruno Gambardella e Pasquale Luca Nacca. Modera il giornalista Gianluca Amatucci. Dal pensiero di Massimo alle testimonianze di colleghi, attori, familiari e amici che hano condiviso con lui un tratto di strada. Un percorso che passa in rassegna le sue prime esperienze teatrali, dall’oratorio parrocchiale alla partecipazione ad Effetto Smorfia, programma televisivo dove si esibiva insieme a Lello Arena e a Enzo Decaro fino all’approdo al cinema con una grande attenzione rivolta sia alle pellicole da lui girate che a quelle che lo hanno visto come interprete. Un libro, nato dal profondo amore di Borrelli per Massimo e dalla sua capacità di restituire orgoglio all’identità partenopea. “Ad emergere – spiega Borrelli che ha scelto da tempo Avellino come sua città di adozione – è il vuoto profondo lasciato dalla sua figura, il ricordo dell’ironia, del linguaggio, che gli era propria, a partire da quella singolare capacità di irridere ogni stereotipo”.
L’evento è organizzato dall’associazione Il Bucaneve nell’ambito del Maggio dei libri