Potenza- Avellino, le pagelle

0
850

di Domenico Russo

Ghidotti 4: già sul primo gol non è immune da colpe in quanto doveva uscire subìto sull’uomo. Non dà sicurezza e si vede nel 2-2

Mulè 4,5: si rivede dal 1′ dopo tempo immemore. Volpe lo salta sistematicamente, mai in partita

Rigione 6: si salva lì dietro, segna il gol del momentaneo sorpasso

Cionek 5: sul primo gol tutta la catena di sinistra si fa trovare impreparata

Ricciardi 6: prova a sfondare, sfiora il gol in avvio di sinistro

Rocca 6,5: il migliore lì in mezzo. Quando esce, infatti, si sente

Armellino 5,5: molta flemma nel palleggio, meglio quando si cambia modulo

Palmiero 5: preso a uomo da Volpe, non riesce mai a fare quello che vorrebbe

Liotti 5,5: nella fase difensiva non si vede mai, qualche buono spunto invece in quella offensiva

Sgarbi 6: nel primo tempo è anonimo, nella ripresa quando diventa attaccante di destra è decisivo

Gori 5: poco servito, non entra in partita

Patierno 6: entra con un Avellino messo meglio in campo

Frascatore 6: entra con determinazione, diverse buone chiusure

De Cristofaro 5,5: tanta “garra” ma poca lucidità tecnica

D’Ausilio 6,5: dà un pò di vivacità all’attacco biancoverde, firmando da due passi il gol dell’1-1

Pezzella 5: non si sente nè in palleggio nè difensivamente

Pazienza 5: alla prima azione Ricciardi sfiora il gol del vantaggio, ma dopo aver preso gol la squadra non riesce a creare nulla. Finalmente il passaggio alla difesa a 4 allargando le maglie della retroguardia potentina e la marcatura ad uomo su Palmiero, riesce a ribaltare il risultato. Ma la “frittata” allo scadere di Ghidotti costa un pari che fa male…