Potere al Popolo: “Sul Sarno e in Campania navighiamo controcorrente”

0
566

Si è aperta questa mattina con una traversata in canoa sul Sarno, la campagna elettorale di Giuliano Granato candidato alla Presidenza della Regione Campania alle prossime elezioni.  “Cominciamo da qui – ha dichiarato – da questa contraddizione, quella di un fiume che è il più inquinato d’Europa. Il Sarno potrebbe essere pulito, trasparente, sano se solo venissero fermati gli sversamenti che lo inquinano. Negli anni Potere al Popolo ha inoltrato continue segnalazioni, campagne di sensibilizzazione, presidi, denunce ma c’è un blocco da parte delle classi dirigenti che non attivano i dovuti controlli e le azioni necessarie a porre fine a questa vergogna. Ebbene non ci fermiamo, siamo quelli che da sempre stanno dall’altra parte, siamo la casa dei movimenti, degli attivisti, di chi non si piega e oggi con questa iniziativa vogliamo far vedere a tutti il disastro che è stato provocato. È una ferita dolorosa che non si chiude mai: da una parte c’è una vegetazione rigogliosa che non vuole morire e resiste, dall’altra come una condanna inevitabile, veleni e materiali di scarico vengono sversati qui perennemente”.

Al suo fianco questa mattina c’era Clementina Sasso, candidata al Consiglio Regionale della Campania, ricercatrice astrofisica napoletana dell’Osservatorio Astronomico di Capodimonte che collabora con la Nasa: “Nasco come attivista, il Movimento 5 Stelle in cui ho creduto si è portato via un sogno che ho ritrovato in Potere al Popolo perché noi, come loro ci crediamo ancora in un mondo giusto”.

Tra le voci anche quella di Massimiliano Tresca della Casa del Popolo dell’Agro Nocerino Sarnese che ha commentato: “Questo posto rappresenta quello che per noi di Potere al Popolo è una prassi, il controllo popolare attraverso l’impegno e la dedizione degli attivisti che negli anni hanno svolto un costante lavoro di monitoraggio e denuncia senza arrendersi mai”.

Potere al Popolo si presenta a queste elezioni per proporre un modello diverso, perché abbiamo quello che manca a De Luca e Caldoro: una comunità che riconosce parità, dignità e diritti. Perché un’idea di Campania nuova è possibile e l’abbiamo maturata, immaginata e sperimentata già nel piccolo: organizzandoci nelle lotte ambientali, prendendoci cura dei nostri territori, lottando sul lavoro contro imprenditori che vogliono schiavizzarci, ascoltando le storie dei precari della sanità, di chi non ha un lavoro né una casa.

Dal ’92 il Sarno è considerato pericolosamente inquinato. “In tre mesi di quarantena – ha proseguito nel suo discorso Giuliano Granato – abbiamo visto come potrebbe essere il futuro, abbiamo visto che è possibile riavere il fiume pulito ma gli sversamenti delle aziende dell’agroalimentare e delle multinazionali non vengono fermati. Servirebbe volontà politica. Non è un caso che la foto del Sarno, risuonata di recente sul web come un boato di speranza, sia stata scattata da uno dei militanti di Potere al Popolo, Giuseppe Sodano, che nel costante lavoro di controllo delle acque, subito dopo il lockdown la prima cosa che ha fatto è stata tornare qui, in questi luoghi per verificare lo stato del fiume”.

Da dieci anni la Campania si scontra sempre la stessa classe politica. Ci prepariamo al “De Luca contro Caldoro parte 3” ma è sempre lo stesso blocco di potere, erede dei Bassolino e dei Rastrelli, che da decenni specula e si ingrassa sulle spalle dei cittadini campani intascando soldi pubblici, truffando appalti, distribuendo mazzette, togliendo sempre più risorse ai servizi essenziali.

Questa è la gente che ha avvelenato i nostri fiumi e interrato rifiuti sotto abusi edilizi, la stessa gente che ha smantellato la sanità e adesso fa campagna elettorale sulla gestione dell’emergenza Covid, senza avere neanche un merito reale a riguardo.