Preghiera dei custodi della pace

0
3449
Preghiamo per la tregua nella terra dei nostri fratelli  ucraini.
Invochiamo quel cessate il fuoco. L’abbandono di tutte le oscurità, di tutte le tenebre che alimentano discordie e distruzione.
In questa preghiera leggiamo i libri dei poeti, degli scrittori che hanno rappresentato, con le loro grandi opere, la Russia.
Anche loro stanno pregando di abbandonare i carrarmati, le armi, gli aerei di guerra. Di raccogliere il primo fiore della primavera che si avvicina.
Anche loro stanno invocando di seguire la strada del dialogo e della comunicazione.
Preghiamo per il ritiro di tutte le armi. Cessate il fuoco!
Liberate gli uomini innocenti che avete arrestato. Ritirate i soldati. Unitevi a questa preghiera arrivata dalle stelle. Dall’universo, dagli orizzonti, dalle altitudini, dalle maree, dai continenti più lontani, dalla rosa dei venti. Dalle montagne e dai numeri che sopravvivono agli anni. Nei secoli dei secoli
del sole dei vivi e dei morti.
Noi siamo tutti figli della stessa terra, degli stessi alberi. Custodiamo il nostro pianeta.
Aboliamo il mio e il tuo. Proclamiamo l’alba del noi. Un noi immenso più delle galassie.
Lo dobbiamo a tutti i bambini che sono morti in questi giorni. A tutti i civili morti.
A tutti i soldati morti.
A tutte le persone che stanno soffrendo.
Cessate il fuoco!
C’è tutto il mondo in Ucraina.
Ci siamo tutti.
——————————————————————————————————
Antonietta Gnerre