Proud to be T, Atripalda celebra la Giornata della visibilità transgender

0
273

Dalla collaborazione tra l’associazione Apple Pie: l’amore merita Lgbt+, il suo gruppo giovani intitolato a Carmela De Prisco e l’associazione Laika, nasce l’evento di sensibilizzazione in programma domani pomeriggio, domenica 24 marzo, ad Atripalda. Si tratta di Proud to be T, dedicato al tema della visibilità transgender, che si terrà a partire dalle ore 17.00, presso la sede di Laika, in via San Giacomo n. 2.

L’incontro è stato organizzato in vista della Giornata internazionale della visibilità transgender, celebrata il 31 marzo di ogni anno, a partire dal 2009, grazie all’attivista statunitense Rachel Crandall, che ne è stata la fondatrice. Fino a quel momento, infatti, esisteva soltanto il Transgender day of remembrance, in memoria delle vittime della transfobia. L’istituzione della data di marzo, invece, punta a porre l’attenzione anche sulle difficoltà che la comunità trans è costretta ad affrontare nella vita quotidiana, a causa di discriminazioni dovute alla propria identità di genere. Dall’inserimento nel mondo del lavoro alle relazioni sociali, fino ad arrivare alla possibilità di ricevere cure e prestazioni sanitarie. L’obiettivo è dunque quello di normalizzazione i ruoli della comunità trans nella società e, di conseguenza, garantire a ciascuno gli stessi diritti civili che, al contrario, troppo spesso vengono negati sulla base di pregiudizi culturali radicati.

Dopo i saluti di Christian Coduto, presidente di Apple Pie, durante il pomeriggio interverranno: Alessio Avellino, di Polis aperta, l’organizzazione di volontariato Lgbt+ composta da persone che prestano servizio nelle forze di polizia e nelle forze armate; Ivana Caputo, di Agedo Napoli (Associazione genitori di omosessuali) e da Cinzia Messina, di Affetti oltre il genere, l’associazione formata da genitori di persone transgender. A fare da moderatore sarà Andrea Famiglietti, presidente di Laika.

Nella sala, inoltre, saranno in esposizione le opere dell’artista Mr. Francese.