Psicologia dello sport, il confronto promosso da AnsMeS alla chiesa di Costantinopoli

0
344

“Conversazione: psicologia nello sport”, è il titolo dell’incontro organizzato dall’associazione ANSMeS in collaborazione e con il patrocinio della Parrocchia di Santa Maria di Costantinopoli di Benevento. L’appuntamento, che rientra nell’ambito del progetto “Il Caffè”, avrà luogo nell’auditorium della Parrocchia di via Padre de Giovanni al Rione Ferrovia, giovedì prossimo, 14 marzo, alle 17.30. L’argomento sarà dissertato dalla dottoressa Paola Cavuoto, psicologa, che porrà l’accento sul ruolo centrale della psicologia nelle attività sportive. «Da sempre lo sport è stato riconosciuto come elemento caratterizzante per una crescita sana ed equilibrata e come attività volta al benessere individuale in ogni fase di vita. Praticare sport ridurrebbe problemi e malattie determinate dalla sedentarietà. Influirebbe positivamente sul tono dell’umore, sul miglioramento dell’immagine di sé e sull’autostima e sulla qualità del sonno e sull’ansia e sullo stress». Lo sport, quindi, si configura come un fattore di benessere psicofisico e di accrescimento della qualità della vita. «Pertanto, diventa importante partire innanzitutto dai contesti educativi attraverso azioni concrete in modo da diffondere una idea di sport facilmente raggiungibile e praticabile per tutti. Il contributo che la psicologia offre – conclude la dottoressa Paola Cavuoto – in questo settore si definisce nella costruzione di programmi e di progetti per facilitare l’accesso e il mantenimento dell’attività sportiva e per la promozione del benessere in tutti i praticanti indagando il clima e i processi motivazionali legati allo sport». A fare gli onori di casa sarà monsignor Pompilio Cristino. Saluterà gli intervenuti il presidente del Comitato regionale Campania ANSMeS, dottor Francesco Maturi.