RA.I.D FESTIVALS 2022 Venerdì 2 settembre al Chiostro Monumentale di S. Chiara di Solofra

0
360

Solofra (Avellino), 31 agosto 2022 Un nuovo appuntamento targato Ra.I.D. Festival 2022, la rassegna interregionale di danza contemporanea, realizzata con il sostegno del Comune di Solofra e il riconoscimento del MiC. Venerdì 2 settembre al Chiostro Monumentale di S. Chiara due progetti finanziati dal MiC: Woman Made (Boarding Pass) con i lavori di Artgarage e Borderlinedanza e Giovane Danza d’Autore, con gli interpreti Nancy Cardascia, Alessandro Esposito, Maite Rodgers.

WOMAN MADE dedicato all’indagine degli stereotipi maschili e femminili che, in costante trasformazione, definiscono il sistema di valori delle abitudini sociali. “Pink or blue” è il titolo/contenitore del progetto coreografico afferente a Woman Made dove viene affrontato il tema dello stereotipo di genere, con lucidità e ambiguità attraversando significati e sensazioni e cercando di mettere in discussione ciò che si prova e le certezze di chi osserva. Partendo dalla necessità di esplorare, verificare e mettere in pratica nuovi modi di composizione e del mettere in scena, il coreografo, il sound designer e la danzatrice daranno vita ad una dialettica drammaturgica che dia senso e significato all’azione. Regia e coreografia di Claudio Malangone; autrice e interprete Adriana Cristiano; musiche originali e sound design Alessandro Capasso. A seguire anche “Illa He” di Emma Cianchi con Marianna Moccia. Dal latino il binomio lei/lui. Tale combinazione nell’immaginario è sempre in contrapposizione, ma tra la sensualità e la forza e tra la delicatezza del gesto e la potenza del movimento la Cianchi prosegue la sua indagine narrativa sul tema di genere. I due elementi, i macro-universi del femminile e del maschile, trovano nel corpo dell’interprete un’analisi spin-off che trae spunto dagli archetipi antichi e moderni per poi manifestarsi naturalmente nell’universo contemporaneo.

GIOVANE DANZA D’AUTORE Due le perfomance in scena. Memoriale di e con Nancy Cardascia, frutto di uno studio sulle relazioni tra luogo e spirito, partendo dalla cornice all’interno della quale viene collocata la performance ed in che modo questa si trasforma rispetto all’ambiente, esaltandone il flusso energetico. Nella soffitta abitano oggetti, scatoloni, polveri, ricordi. I ricordi abitano il tempo ed il tempo abita la nostra mente. La mente vive un loop temporale che parte da una tranquillità emotiva fino ad arrivare all’esasperazione del ricordo stesso. Quando il futuro ci fa paura torniamo indietro e lì cerchiamo di (ri)trovare noi stessi. Lottare con il passato, con i legami, con le mancanze ci prepara ad una grande forza interiore. A volte, quindi risulta necessario risalire su in soffitta, rispolverare e rispolverarsi, ritrovare se stessi per riavvolgere il nastro e ricominciare. Sustraiak di e con Alessandro Esposito e Maite Rodgers: nel deserto della società moderna, arido sotto il profilo della spontaneità dell’essere, SUSTRAIAK si ripropone di esplorare il manifestarsi della natura, che con il suo movimento, si riappropria istintivamente di ciò che le appartiene, arrivando ad affondare le sue radici sino allo spirito dell’essere umano, che tanto cerca di sradicarle.

DANZA IN VIDEO Ripartirà a breve anche la sezione legata alla video-danza, realizzata grazie alla collaborazione con festivals partner: il festival del cinema Linea D’Ombra di Salerno, che indaga le opere della creatività del nostro tempo, attraverso il cinema e le arti audiovisive; Movimentale, festival di danza e video-arte con una specifica sezione per la video-danza con premi assegnati dal pubblico; Cam Cam/Dance for camera, premio di video danza under 35 di Movimento Danza, con una doppia giuria di qualità a premiare le video performance candidate. Quest’anno, per l’edizione 2022, si aggiungono Gold, società di produzione mediale e ricerca tecnologica con ambiti specifici sulla composizione coreografica, il Reset Lab dell’Università Parthenope di Napoli, impegnato nella produzione di learning objects artistici e digitali, e Cinematica dell’Associazione Ventottozerosei.

INFO UTILI L’appuntamento di venerdì è alle 20.30. Per l’ingresso (gratuito) è obbligatoria la prenotazione. Per ulteriori informazioni info@raidfestivals.com; 338 66 12 660.