Recovery Plan e ATMP: occasione da non perdere

0
332

Si è svolta ieri la presentazione via webinar del documento programmatico PIANO NAZIONALE PER LA RIPRESA E RESILIENZA (PNRR) E TERAPIE AVANZATE elaborato dal comitato direttivo ATMP Forum. Il documento ha posto l’accento sulla necessità di un piano strategico e di finanziamenti adeguati allo sviluppo delle Advanced Therapy Medicinal Product in Italia, proponendo 3 aree concrete di priorità. “È sempre importante soffermarsi a fare il punto con tutte le parti interessate su un tema, quello delle terapie avanzate, decisamente sfidante e dalle implicazioni cliniche e di politiche sanitarie sfaccettate. – ha dichiarato il Sen. Pierpaolo Sileri, Sottosegretario alla Salute – Mai come in questo settore è fondamentale il coordinamento e la capacità di mettere a fattore comune le esperienze dei centri sul territorio, pianificare per tempo modelli organizzativi standardizzati e omogenei e declinarli nel modo più efficace a livello nazionale, fare rete per favorire la ricerca e l’innovazione. In una parola: garantire l’accesso alle terapie avanzate, efficaci e sicure. Ma ciò è tanto più vero per qualsiasi intervento in sanità pubblica e questo dovrà essere l’approccio per orientare nel modo più ottimale possibile le risorse che il PNRR garantirà.” ATMP Forum ha elaborato un documento con 3 mission prioritarie, da porre all’attenzione del Governo in occasione dell’elaborazione del Piano Nazionale per la Ripresa e Resilienza (PNRR), previsto. L’ATMP Forum ritiene fondamentale che il PNRR che ridisegna l’Italia dei prossimi decenni e che guarda con favore all’innovazione, dedichi risorse congrue e rilevanti a un settore della medicina capace di sviluppare cure risolutive ad oggi inimmaginabili per malattie ad alta severità, nonché a determinare un importante potenziale di crescita in termini di nuove professionalità, attrazione di investimenti dall’estero e incremento del PIL. “Per rendere la ricerca su ATMP competitiva e rivolta allo sviluppo industriale non bastano gli investimenti, seppur significativi, erogati fino ad ora, è necessario un vero e proprio cambio di passo – ha commentato di On. Angela Ianaro, XII Commissione Affari Sociali, Camera dei Deputati; Presidente Intergruppo Parlamentare Scienza e Salute – oggi possiamo sfruttare il PNRR per supportare la ricerca e sviluppo di terapie avanzate, a beneficio dei pazienti ma anche dello stesso sistema salute con un incremento termini di sviluppo economico e posti di lavoro nel settore”. Il documento programmatico elaborato da ATMP Forum prevede tre aree di azione: 1. Istituzione di “ATMP MISSION 2030”, un fondo di investimento partecipato pubblico-privato dedicato al passaggio delle tecnologie dalla ricerca al mercato. Il fondo dovrebbe finanziare quella parte di ricerca sulle ATMP che ha come obiettivo il brevetto dell’outcome di ricerca e accompagna gli spin-off/start-up private nello sforzo imprenditoriale con l’obiettivo di arrivare al mercato direttamente o di trasferire la tecnologia a player commerciali globali. La previsione di capienza del fondo, co-partecipato dal privato al 50%, dovrebbe essere non inferiore a 150 m € solo per la parte pubblica. 2. Piano generale di ammodernamento delle dotazioni tecnologiche, network centri e formazione. La somministrazione delle ATMP richiede investimenti infrastrutturali, tecnologici e formativi e sembra ragionevole definire la concentrazione degli investimenti su centri selezionati. Si propone, quindi, la creazione di una rete sovraregionale di HUB dedicati alle ATMP coordinata secondo il modello del Centro Nazionale Trapianti, che ha dimostrato di funzionare egregiamente nella gestione intra-regionale dei trapianti. 3. Innovativi sistemi di rimborso delle ATMP. Il terzo report ATMP Forum ha studiato l’impatto di spesa in Italia per gli anni 2021-2026, che nel 2026 sarà in un range tra i 329 e 657 mio €, a seconda dei meccanismi di rimborso. Le ATMP, essendo, almeno in parte, terapie “one shot”, rappresentano un investimento puntuale con benefici di salute a lungo termine. Il loro passaggio da spesa corrente a investimento permetterebbe l’utilizzo di risorse aggiuntive provenienti dal PNRR da considerarsi al di fuori del perimetro della spesa farmaceutica corrente, o in alternativa in aggiunta ai fondi innovativi. “Sono state condivise alcune importanti riflessioni sull’importanza delle ATMP nel nostro Paese. È auspicabile che il sistema salute faccia ogni sforzo per supportare lo slancio imprenditoriale in questo ambito. – ha commentato Dr. Paolo Bonaretti, Esperto Politiche ed economia dell’innovazione della Salute – Non solo, l’ammodernamento delle strutture è un passo che già il Ministero della Salute si è posto come priorità soprattutto se guardiamo ad un ambito, quello delle ATMP, dove non mancano centri eccellenti che permetterebbero di mantenere know how e competere nel settore. Considerando, infine, le modalità di accesso a tali terapie, si possono immaginare innovativi sistemi di rimborso come meccanismi basati sull’outcome o su una valutazione di impatto sociosanitario o ancora il pagamento su più anni, che si è già cominciato a testare con una ATMP e che stiamo monitorando. – chiude il Dr. Paolo Bonaretti.” Per dare spunto ulteriore alla ricerca in Italia, anche tramite lo sviluppo di partnership pubblico-privato nel campo delle ATMP, ATMPFORUM ha bandito la seconda edizione dell’ATMP Award, finanziato da MA Provider. “Sono molto felice di annunciare la seconda edizione dell’ATMP Award, un bando che prevede l’assegnazione di una borsa di ricerca di € 30.000 al miglior progetto in ambito ATMP. Il primo ATMP Award, svoltosi nel 2020, è stato assegnato all’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma per il progetto a miglior potenziale traslazionale. – ha dichiarato Paola Lanati, Direttore ATMP Forum – Come per la prima edizione, il bando è rivolto a ricercatori afferenti a strutture ospedaliere, associazioni di pazienti, società scientifiche e organizzazioni senza scopo di lucro che si siano distinti nella ricerca delle ATMP”.