Riprogettare le nostre vite

0
913

Non c’è stato momento comunicativo delle ultime settimane che, a proposito o a sproposito, non si parla della particolarita’ del prossimo Natale. Si parla delle tante persone sole in eta’ avanzata che passeranno da soli il giorno di Natale, senza l’affettuosa presenza dei propri cari. Si è parlato, e si parla ancora, dei divieti governativi, spesso ritenuti assurdi, per superare distanze anche di pochi  chilometri per stare insieme nella ricorrenza di una solennita’ cara non solo ai credenti. Il trombone  dei soliti populisti da’ fiato alle accuse al governo per aver diviso le famiglie italiane.Alcuni sofisti di professione affermano che si puo’ morire non solo per Covid, ma anche per solitudine e tristezza e l’elenco delle doglianze  potrebbe continare. A fronte di tanta leggerezza, quello che non è accettabile è che  questa campagna di pietismo umano che dovrebbe  approdare a  ben’altri lidi delle tante poverta’ immateriali del nostro tessuto sociale, viene alimentata in un momento  drammatico. A tal proposito parlano da soli  i dati statistici giornalieri sull’andamento della pandemia : decine di migliaia di nuovi contagi, molte centinaia di decessi. Eppure  il motivato allarme di autorevoli virologi  e medici con alto profilo professionale, viene costantemente lanciato per scongiurare una terza ondata dalle dimensioni imprevedibili  che, tra l’altro, potrebbe coincidere co la tradizionale influenza o con l’inizio della  prevista campagna  vaccinatoria anticovid. Perchè,allora, tanta irresponsabilita’ comunicativa rispetto ad una corretta  informazione  per prevenire il peggio ? Perché l’urgenza di evitare una terza ondata con prescrizioni necessarie  è tanto dura da accettare ? Davvero  lo sbandierato familismo affettivo ha motivazioni tanto profonde da giustificare  la eventualita’ di rischio tanto alta? Certamente la risposta piu’ credibile la puo’ dare solo chi si è ammalato di Covid ed è guarito  o chi ha perduto il lavoro a causa delle conseguenze pandemiche o , addirittura, chi ha perduto una persona cara  per contagio Covid. Nello scrivere queste modeste riflessioni mi sento, comunque, di appartenere ai non pochi che si augurano che il 2021 sia  veramente un buon anno nuovo. Ma, credo fermamente, che non basta augurarselo se non si avverte il bisogno interiore di una radicale conversione umana e spirituale  che faccia maturare in ognuno la consapevolezza che il nostro abituale piccolo e grande mondo, per effetto della pandemia, non potra’ essere piu’ quello di prima.Il Natale , per gli aspiranti   credenti, è luce nuova, è momento forte  di ri-progettazione, di ri-condivisione, di allargamento degli orizzonti personali e collettivi. Anche per i non credenti il prossimo Natale e il nuovo anno, senza nessun dogmatismo confessionale, non saranno come gli altri: probabilmente il panettone avra’ un sapere diverso  anche per loro ed è questo diverso sapore che potra’ dare senso nuovo alla loro vita.

di Gerardo Salvatore